Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Cannes 2014: Il documentario Caricaturistes – Fantadessins de la Democratie

Cannes 2014: Il documentario Caricaturistes – Fantadessins de la Democratie

Anche a Cannes c’è stata la sera della standing ovation; anche a Cannes sono riuscita a ritrovarmi in mezzo ad un pubblico in visibilio per dieci lunghi minuti; anche a Cannes la gente sa emozionarsi, ma qui accade sull’onda del trasporto provocato da… un documentario! Perché “Caricaturistes – Fantadessins de la Democratie” ė un progetto coraggioso, perché ci vuole uno spessore non comune ad esporsi in prima persona per un ideale che ai giovani pare non essere caro: la libertà e quel rispetto che non sempre sono cosa ovvia e dovuta.

Radu Mihaileanu ha tanto voluto e sentito questo progetto e con Stéphanie Valloatto è riuscito a fare un film dal messaggio potente, dalla trama (si, si ,proprio trama) intrigante e ricca di suspense. E questa volta per me ė davvero difficile. Oggi commento un’opera dedicata al delicatissimo mondo della libertà di espressione, delle varie forme di dittatura e di stupidità umana, e quest’ultima ė davvero senza una terra di origine.

caricaturistes_cina_photo courtesy of FDC2014
Caricaturistes – Photo of Wang Bo – Courtesy of FDC 2014

Dodici impavidi disegnatori, vignettisti, fumettisti, da anni prendono in giro con intelligenti ironiche vignette i rispettivi governi, regimi, e rischiano ogni giorno che qualcuno si offenda e decida di spezzare loro le dita (nel migliore dei casi). Perché ci sono paesi come il Venezuela in cui ogni volta che si acquista un bene di uso comune si devono lasciare i propri dati (anche per una fetta di anguria!) quindi l’idea di fare satira politica ė pura follia. E perché ancora oggi, nella vicina Russia post-Perestroika, si preferisce diventare tassisti abusivi piuttosto di finire in Siberia a causa di una vignetta.

Le incredibili storie di questo gruppo di “matti”, che hanno sfilato sul palco della sala Sessantesima qui a Cannes, sono diverse, da brividi, ma accomunate dalla voglia di migliorare il mondo, di rischiare la propria incolumità per lasciare ai giovani una società in cui viga la libertà di parola, di critica, di lavorare, di movimento. Per diffondere i diritti e disincentivare i tentativi volti alla loro eliminazione. Essi, infatti, non sono un atto ovvio e dovuto, come  i nostri mediterranei e ingenui occhi credono.

caricaturistes_russia_photo
Caricaturistes – Photo of Zlatkovsky – Courtesy of FDC 2014

“Caricaturistes” non ė solo una prova di coraggio, ė un grande progetto (e lo prova il fatto che abbia il sostegno delle Nazioni Unite), ė un filmato istruttivo che potrebbe (anzi, in alcuni casi dovrebbe) venire mostrato nelle aule scolastiche; ė la prova che l’intelligenza, l’umorismo, la voglia di libertà e di rispetto, siano concetti universalmente condivisi, in grado di unire popoli con usi, costumi e tradizioni differenti. Vedere un signore francese, un israeliano e un palestinese chiacchierare amabilmente e combattere uniti per la medesima causa ė la prova che il denaro e il potere diano alla testa e portino alla diffusione di concetti sballati che, tra le masse tenute nell’ignoranza forzata, dilagano come la peggiore delle pestilenze!

Ė un dovere parlare di libertà in generale, di libertà di parola e di istruzione nel particolare, perché la parola e il disegno sono l’unica arma che le folle hanno per arginare i deliri di onnipotenza di una manciata di personaggi che però – ahinoi – riescono a provocare danni planetari.

Vissia Menza

n.d.r. A questo link la pagina ufficiale su Facebook

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi