Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Il fanta-thriller Edge of Tomorrow: ci sarà un domani?

Il fanta-thriller Edge of Tomorrow: ci sarà un domani?

edge-of-tomorrow_poster

“Edge of Tomorrow – Senza Domani”, il nuovo film con Tom Cruise tanto atteso dai fan è infine in sala. Dopo l’accattivante trailer, alcune clip e gli immancabili rumors, da ieri l’attesa è finita e potrete scoprire cosa celi il loop in cui inciampa il protagonista di questa avventura tratta da un racconto che arriva da lontano.

“Edge of Tomorrow – Senza Domani” si basa su “All you need is Kill” dell’autore giapponese Hiroshi Sakurazaka. È la storia del Tenente William Cage (Tom Cruise) che, da dietro la scrivania di un protetto ufficio, si ritrova misteriosamente catapultato in prima linea, sul campo, armato sino ai denti, in una battaglia di umani contro alieni che molto ricorda lo sbarco in Normandia, anche se gli eventi sembrano favorire gli ostili Mimics, quegli “ospiti” arrivati da un altro mondo per insediarsi a casa nostra.

Tom Cruise in una scena di "Edge of Tomorrow"
Tom Cruise in una scena di “Edge of Tomorrow”

L’incontro con la soldatessa delle forze speciali Rita Vrataski (una palestratissima Emily Blunt, che entra in scena da vera Giovanna d’Arco dei tempi moderni) permetterà all’uomo, prima di ricomporre i pezzi del puzzle e poi di capire se stia avendo un incubo oppure sia finito in una sorta di breccia temporale in grado di favorire l’umanità.

Diretto da Doug Liman (“The Bourne Identity”, “Mr. & Mrs. Smith”), il film è stato girato nei luoghi che si vedono in video. A Londra, per esempio, Trafalgar Square sarebbe stata evacuata per permettere le riprese, e sapere questo particolare ai miei occhi ha reso l’opera ancora più bella e spettacolare. Perché la pellicola si presenta con tutti i pregi delle super produzioni: azione in abbondanza, dialoghi scoppiettanti con un pizzico di salcasmo, ritmo incalzante, effetti veramente speciali, attori che attirano orde di fan al cinema, e molto altro.

Londra in una scena del film "Edge of Tomorrow"
Londra in una scena del film “Edge of Tomorrow”

La storia funziona sin dai primi minuti, nonostante una trama non nuova (un protagonista che va a spasso nel tempo, riavvolgendo il giorno per salvare le masse, l’abbiamo visto molte volte anche recentemente in “Source Code”) e nonostante un primo attore la cui evidente tinta ritoccata di fresco ci ha fatto faticare non poco a prenderlo sul serio. La narrazione è lineare, le spiegazioni avvengono man mano, di segreti ce ne sono pochi, ma tutto è av-vin-cen-te (e ne ho la certezza giacché l’ho visto con alle spalle pochissime ore di sonno!).

Questo fanta-thriller ambientato in un’Europa ridotta ad un cumulo di macerie, di un futuro non troppo lontano, riesce mirabilmente ad unire un racconto semplice ad immagini di battaglia degne di un gran bel film di guerra, con soldati armati e allenati come i migliori campioni dell’action. Lasciando il machismo il più possibile fuori dalla porta e senza denudare nessuno, questa versione in carne e ossa del romanzo è sorprendente, accattivante, talmente ben scritta da catalizzare il pubblico e fargli dimenticare il cellulare in fondo alla borsa per due abbondanti ore.

Tom Cruise e Emily Blunt in una scena di "Edge of Tomorrow"
Tom Cruise e Emily Blunt in una scena di “Edge of Tomorrow”

Complici forse le origini asiatiche, anche la morale e gli evidenti (e necessari) gesti eroici, per una volta, non ci impartiscono lezioncine a voce alta. Qualcuno si deve essere reso conto che non è necessario spiegare sempre tutto. Questo rispetto superiore alla media dell’utente finale è stato probabilmente l’aspetto che mi ha indotto a promuovere senza riserve un film con Tom Cruise, da sempre un attore che non amo particolarmente. Vedere per credere!

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi