Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Il cardellino di Donna Tartt

Recensione Il cardellino di Donna Tartt

(ATTENZIONE: il post contiene un neologismo probabilmente orripilante, che non deve necessariamente incontrare il favore di tutti. Se a qualcuno piace può utilizzarlo avendo cura di rivolgermi un pensiero di qualunque genere, ma non offensivo).

recensione il cardellino donna tartt

Capita nella lettura di un libro, nella visione di un film, persino nel corso di una conversazione: una situazione apparentemente “normale” si infittisce con un minimo di mistero, si opacizza, crea una sensazione di suspense. In una parola – un termine che utilizzo da qualche anno solo in assenza di accademici – “si inthrillera”.

Lo so, mea culpa, è orribile. Però rende l’idea.

“Il cardellino” è un romanzo che, pur mantenendo il lettore aggrappato alle vicende narrate fin dalle prime pagine, ad un certo punto “si inthrillera”. Donna Tartt disegna la parabola di un uomo, che incontriamo in una stanza d’albergo di Amsterdam (bene tenerlo presente, nel corso della lettura) e che racconta una storia nata dalla morte di una madre (donna strana e quindi bellissima) in un museo e proseguita fra affidamenti dell’adolescente ad una famiglia benestante, il ritorno di padre borderline, amicizie costruttive e distruttive, un unico grande amore.

Una storia, certamente complessa, che ruota intorno ad un piccolo quadro di pregevole fattura, che ritrae l’uccellino che regala il nome al romanzo. Un quadro che è insieme ricordo del legame materno, collante di una vita sempre sul punto di perdersi, oggetto di una caccia artistica internazionale. E’ qui, più o meno a tre/quarti del (poderoso) volume, che il libro “si inthrillera”. E va detto, con un filo di malinconia, che ho avvertito la mancanza di quella profonda empatia che stavo vivendo per il protagonista, accompagnato – come detto – dal momento di massima difficoltà adolescenziale fino all’età adulta.

Ho avuto l’impressione di avere tra le mani un grande (forse grandissimo) romanzo fino a duecento pagine dalla fine, e di aver perso qualcosa in quel convulso finale: le domande che la storia di Theo suscitavano dentro di me erano davvero interessanti (il segno di ferite mai del tutto cicatrizzate, il rapporto fra dovere e desiderio, l’arte come forma di vita e la vita come forma d’arte, e via di pensiero in pensiero) e di averle dovute abbandonare, come se la trama all’improvviso spegnesse tutte le luci del teatro e si ponesse come unico elemento sotto il luminoso occhio di bue.

Mi imbarazzo auto-domandandomi: “Lo consiglieresti?”. Probabilmente sì, per gli spunti di riflessione che ti regala. E forse no, per un pizzico di delusione finale.

Alfonso d’Agostino

Scheda libro
Titolo: Il cardellino
Autore: Donna Tartt
Editore: Rizzoli
Collana: Scala stranieri
Pagine: 892
ISBN: 9788817072380

Prezzo:
edizione cartacea: euro 17 su Amazon.it (-15%)
ebook Kindle: euro 4,99 (clicca qui per scaricare)


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi