/, Lettura, Libri, Musica, Recensioni/Jazz Vision: grande musica, grande fotografia, grande scrittura

Jazz Vision: grande musica, grande fotografia, grande scrittura

By |2016-02-29T23:46:03+00:00settembre 1, 2014|Fotografia, Lettura, Libri, Musica, Recensioni|

libro-jazz-vision

Seguite bene la mia manina: conterò sulle dita.

UNO (e alzo il pollice): “Jazz Vision”, ultimo libro di Luca d’Agostino, artista che ha elevato la fotografia di spettacolo a vera arte, è un volume fortemente consigliato a chiunque si diletti di obiettivi, profondità di campo e diaframmi. Scorri questi bianchi e eneri delicati eppure potenti e non puoi fare a meno di pensare: “Maledizione, perchè non l’ho scattata io”. E ti sorge una straordinaria necessità di prendere la Nikon e provare a invertarti qualcosa, come quando vedi Lebron James in volo dalla lunetta e ti scappa da correre al campetto a far due tiri. Non ci riuscirai, ma ci provi.

DUE (e alzo l’indice insieme al pollice): può essere che siate semplicemente appassionati di jazz. Beh, cavolo, fate spazio fra i dischi, i poster e la letteratura dedicata all’argomento, perchè in Jazz Vision troverete ritratti di “Butch” Morris, William Parker, Claudio Cojaniz, e via scorrendo immagini che catturano un’anima e restituiscono in un colpo l’uomo e il musicista.

jazz-vision-1

TRE (e alzo il medio, ma accompagnato da pollice e indice e dunque non insultante): il dialogo tra le immagini di Luca d’Agostino e i testi di Flavio Massarutto è semplicemente magnifico. E perfettamente calibrato: Flavio non usa una parola in più di quelle necessarie, scrive come una perfetta partitura priva di note in eccesso. Flavio introduce il volume con questa frase: “Il problema non è cogliere il momento magico, ma riuscire a vederlo”. Vale anche per chi lavora con la tastiera, davvero.

QUATTRO (e nascondo il pollice usando tutte le altre): “Jazz Vision” è uno splendido prodotto editoriale. Ma proprio bello. La carta, la grafica, la perfetta alternanza di colori, un design di altissimo livello. Uno di quei volumi che spiega esattamente perchè gli ebook siano taaaaanto comodi ma non potranno mai replicare questo tipo di sensazioni. Ne regaleranno altre – soprattutto quando gli editori si convinceranno che un ebook è “altro” dal libro, non la sua trasposizione in bit – ma mai qualcosa del genere.

jazz-vision-2

CINQUE (e vi mostro tutta la manina): abbiamo tutti le tasche un po’ stremate, lo sappiamo bene. “Jazz Vision” è in vendita a dieci euro. No, dico, dieci. E siccome ci è piaciuto così tanto, vi diamo una doppia possibilità: potete richiederlo scrivendoci direttamente su commerciale (chiocciolina) masedomani.com.

E, udite udite, ne REGALIAMO due ai primi due commenti che riceverà questo post. Presto, scrivete!

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi