Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Il film IL RACCONTO DEI RACCONTI di Matteo Garrone: a Cannes e al cinema

Il film IL RACCONTO DEI RACCONTI di Matteo Garrone: a Cannes e al cinema

il-racconto-dei-racconti_locandina

Ho riso, ho atteso, ho sperato, ho sognato e ho applaudito alla favolosa storia narrata dal curioso film “Tale of Tales”. “Tale of Tales” è la nuova fatica di Matteo Garrone, è l’opera con cui il regista supera sé stesso, le nostre aspettative, l’esame della selezione ufficiale del Festival de Cannes e ora concorre per la Palma d’Oro 2015.

Garrone stupisce il pubblico con una pellicola in costume. “Tale of Tales” è un fantasy che attinge da quella letteratura nostrana poco conosciuta, e spesso non studiata, che ha fatto la fortuna di tanti nei secoli, ma che a casa propria è stata relegata in un angolo scivolando nell’oblio. Il film ha un cast internazionale che abbaglia con le sue interpretazioni misurate, senza alcuna forma di eccesso o caricatura, che ci portano a parteggiare per l’uno o per l’altro, sperando che alla fine l’ordine delle cose e il bene comune tornino in tutti i regni.

Photo: courtesy of 01 Distribution
Photo: courtesy of 01 Distribution

Il regista cambia quindi rotta e questa volta si tuffa in un progetto ambizioso: sdoganare e far innamorare il grande pubblico di un autore tanto importante quanto dimenticato, precursore di un genere unico che ha posto le basi delle moderne favole. Biancaneve, Il gatto con gli Stivali e la storie dei Fratelli Grimm sono, infatti, nate sotto l’influenza di “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile, una raccolta di cinquanta fiabe barocche scritte in napoletano (dell’epoca!). Novelle fantastiche, fantasiose, avventurose, realistiche, drammatiche, talvolta giocose e spesso tinte di rosso. Garrone ne ha scelte tre. In tutte l’amore è protagonista, che sia fraterno, materno, paterno o di un marito passionale. È una vera parata di sentimenti forti, di donne dalla volontà granitica, di avventure imprevedibili.

Sono storie meravigliose di draghi, di orchi, di sogni avverati, di premonizioni, di segreti patti con forze occulte, di streghe buone, di facili costumi e di molte illusioni.
Seguiamo una fanciulla che vuole vedere il mondo oltre le mura del Castello e si ritrova in cima ad una montagna, destinata a perire; una madre che vuole un figlio ed è disposta a sacrificare tutto oltre ogni logica; e un’anziana accecata dalla voglia di avere indietro la giovinezza non goduta al punto di affrontare l’impossibile.

Photo: courtesy of 01 Distribution
Photo: courtesy of 01 Distribution

Il cineasta romano dimostra grande abilità nel dirigere i suoi attori, nel ricreare atmosfere perdute e scovare location che paiono sospese nel tempo e nello spazio. I luoghi (reali) incantano e assumono un fascino particolare una volta (ri)popolati di reggenti con un nutrito seguito di nobiluomini, di creature mitologiche e di personaggi sinistri. Il racconto è fluido e il fil rouge che lega la Regina di Selvascura (Salma Hayek), il Re di Roccaforte (Vincent Cassel) e quello di Altomonte (Toby Jones) è di una modernità sconcertante. Amore e bellezza. Ossessione, senso del possesso e invidia. Mai una favola è stata più attuale.

E il dramma si fa largo, a passi di suspense, in un racconto fantasy (ai confini con l’horror): “Tale of Tales” ha davvero tutte le carte in regola per piacere alla critica e intrattenere sia il pubblico in sala sia quello che si sta riversando su la Croisette della città di Cannes.

Vissia Menza

Related posts

Comment(1)

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi