Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione romanzo Ragazze di Riad di Rajaa Alsanea

Recensione romanzo Ragazze di Riad di Rajaa Alsanea

51g3FOrjHQL._SY344_BO1,204,203,200_

Ci sono almeno due chiavi di lettura da considerare prima di affrontare la recensione di “Ragazze di Riad”.

La prima è che si tratta, in fondo, di letteratura rosa: sarebbe sostanzialmente ingiusto pretendere un livello letterario, una trama un po’ più solida, un approfondimento della psicologia di protagonisti e personaggi minori. Non ho una preparazione specifica in merito, per cui dovrò fidarmi dell’impressione personale e di qualche pagina letta qua e la: dal punto di vista della “letteratura romantica”, si può leggere di meglio. Non chiedetemi come e dove, ma pare che si possa.

Rajaa Alsanea
Rajaa Alsanea

La seconda considerazione – che poi è quella che mi ha portato a scegliere la Alsanea come rappresentante dell’Arabia nel nostro “giro del mondo letterario” – è che non è possibile ignorare né il contesto in cui il romanzo è ambientato né, ovviamente, quando e perché è stato scritto.

La definizione, piuttosto diffusa, di “Sex and the city arabo” voleva probabilmente essere un complimento, oltre che un elemento del battage pubblicitario, ma a mio giudizio non rende sufficientemente l’idea: piaccia o meno, è sicuramente un romanzo coraggioso, tanto da essere stato – ovviamente – proibito in terra saudita ma giunto comunque a Riad dal Libano, dove è stato edito originariamente.

La struttura narrativa non è esageratamente originale ma è piacevole: un’anonima narratrice racconta attraverso una newsletter spedita settimanalmente via mail a un numero sempre maggiore di lettori le vite e gli amori di quattro giovani donne saudite (Michelle, Qamra, Sadim e Lamis). Quattro ragazze provenienti dalla alta borghesia, con storie diverse alle spalle e un sogno comune: il vero amore.

Come in ogni “rosa” che si rispetti, emergeranno tutte le difficoltà possibili e concepibili; il dettaglio, non irrilevante, è che in “Ragazze di Riad” si tratta essenzialmente delle criticità sollevate da una società misogina, islamica, patriarcale, in cui i matrimoni combinati sono all’ordine del giorno, i fidanzati fuggono a gambe levate alle prime manifestazioni di minima indipendenza intellettuale delle promesse spose e persino l’amicizia di ragazze sunnite e sciite è motivo di scandalo e di separazione.

“Sì, la società islamica è molto conservatrice,. Le donne vivono sotto il dominio maschile, però sono anche piene di speranza, di progetti, di determinazione e di sogni. E si innamorano e si disannamorano proprio come tutte le donne del mondo. (…) Spero anche che vi rendiate conto che, a poco a poco, alcune di queste donne stanno iniziando a farsi strada da sole, non alla maniera occidentale, ma mantendendo ciò che di buono c’è nella loro religione e nella loro cultura, senza rinunciare alla riforma.”

In una valutazione complessiva, quindi, dare la sufficienza è quasi obbligatorio.

Alfonso d’Agostino

arabia-saudita

SCHEDA LIBRO
Autore: Rajaa Alsanea
Titolo: Ragazze di Riad
Traduzione: Valentina Colombo
Editore: Mondadori
Collana: Oscar bestsellers comedy
Pagine: 332
ISBN: 978-8804605034

ACQUISTO
Amazon.it: 15% sconto, cartaceo con copertina flessibile (5,64 €)


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi