Ma se domani... > Letteratura > Storie dalla Divina Commedia, XII canto: violenti contro il prossimo

Storie dalla Divina Commedia, XII canto: violenti contro il prossimo

Mostrocci un’ombra da l’un canto sola,
dicendo: “Colui fesse in grembo a Dio
lo cor che ’n su Tamisi ancor si cola”.

Prendi il XII canto dell’Inferno dantesco, estrapoli una terzina domandandoti chi sia il personaggio descritto e finisci invischiato in una storia che profuma fortemente di Trono di Spade… Uhm, andiamo con ordine.

È il 1265, e i Montfort, casata equiparabile a quella dei Bolton di Martin-iana memoria, sono coinvolti nella cosiddetta “Guerra dei baroni”. Si sono ribellati a Enrico III d’Inghilterra – con cui peraltro sono pure imparentati in una sorta di Dinasty dell’epoca – e sono schierati con le truppe a loro fedeli a Evesham, pronti alla battaglia. Tra di essi spicca Guido di Montfort, combattente valoroso la cui biografia – come vedremo – meriterebbe un romanzo.

Il blasone dei Montfort - (c) Henrysalome per Wikipedia Commons
Il blasone dei Montfort – (c) Henrysalome per Wikipedia Commons

La Fortuna non arride ai ribelli: il padre e il fratello maggiore di Guido vengono uccisi, i loro corpi vengono trascinati nel fango e smembrati in quelle gratuite manifestazioni di violenza che spesso contraddistinguono i campi di battagli (ahinoi, non solo medievali). Lo stesso Guido viene ferito e fatto prigioniero.

Lo smembramento dei cadaveri in un codice trecentesco
Lo smembramento dei cadaveri in un codice trecentesco

Possiamo immaginarlo rinchiuso nel Castello di Windsor meditare sulla possibile vendetta. Più o meno come il nanetto ad Approdo del Re, nella primavera del 1266 riesce a corrompere le guardie e – attraversata la Manica – a riparare in Francia, dove ritrova un fratello minore. Con lui comincia a muoversi in tutta l’Europa mettendo a disposizione dei francofoni le sue capacità militari.

Dopo cinque anni di vagabondaggi belligeranti e un matrimonio con una nobildonna maremmana, Guido ha l’occasione di vendicare i suoi cari. Viene infatti a sapere che Enrico di Cornovaglia si trovava a Viterbo. Enrico, uomo mite e pacifico, ha un albero genealogico particolare: è cugino sia di Enrico III – il re contro cui avevano combattuto i Monfort – che dello stesso Simone V di Montfort, ucciso e fatto a pezzettini in quella battaglia. In estrema sintesi, un vero casino: come essere contemporaneamente cugini di George Bush e Saddam Hussein. Agli occhi di Guido è un miserabile traditore: si era infatti schierato con i realisti.

In un amen i due fratelli in esilio si precipitano a Viterbo, irrompono nella chiesa di San Silvestro durante la Messa, si scagliano su Enrico e lo trafiggono mentre, aggrappato all’altare, l’uomo implora pietà. Per non farsi mancare niente fanno anche due vittime innocenti – i due chierici che assistevano il celebrante – e, mi spingo a immaginare, escono bestemmiando e scatarrando orrendamente.

san-silvestro-viterbo
La chiesa di San Silvestro a Viterbo

La storia fece una gran impressione e fu tramandata nei decenni successivi. Uno che ammazza un parente durante una Messa e ai piedi dell’altare (“in grembo a Dio”) non può che essere scaraventato da Dante all’Inferno, e infatti lo ritroviamo nel primo girone del settimo cerchio in compagnia di altri “Violenti contro il prossimo”: Ezzelino III (“E quella fronte c’ha ‘l pelo così nero, e’ Azzolino”), feroce tiranno ghibellino nella Marca Trevigiana, Pirro (rappresentato da Virgilio mentre infieriva contro Priamo e i troiani sconfitti), Rinier “Il Pazzo” per il quale bastano il soprannome e un curriculum che include l’omicidio di un vescovo. Una bella compagnia immersa, più o meno profondamente, in un fiume di sangue in un contrappasso piuttosto immediato da codificare.

Alfonso d’Agostino


Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi