Ma se domani... > Cinema > Recensioni > TERMINATOR GENISYS: adrenalina, grandi effetti e risate

TERMINATOR GENISYS: adrenalina, grandi effetti e risate

terminator-genisys_locandina

Anche il giorno di GENISYS è arrivato. La storica saga di TERMINATOR ha invaso da qualche ora i cinema della Penisola e, nonostante sia la quinta volta (!), garantisco non vi farà rimpiangere i vecchi episodi.

La storia ci catapulta in quel futuro post-apocalittico, oramai non troppo lontano dal nostro presente, che conosciamo bene. Siamo al giorno della resa dei conti tra uomini e macchine, tra i pochi che sono riusciti a sopravvivere a quei robot apparentemente imbattibili che tanto si sono dannati per eliminare il capo della resistenza, John Connor, senza mai riuscirci. E oggi, infine, l’umanità è a un passo dal vincere la guerra. Ovviamente, accade un imprevisto in grado di rinviare la festa e imporci di andare a spasso nel tempo. Quindi, senza neppure fare la valigia, ci ritroviamo al fianco del fidato amico di John, Kyle Reese, nel lontano 1984 alla ricerca di Sarah Connor. La giovane ha però un passato così alterato da imporci vari salti spazio-temporali nel vano tentativo di capire cosa stia accadendo e di rimettere i tasselli del puzzle al posto giusto, una volta per tutte.

Photo: courtesy of Universal Pictures
Photo: courtesy of Universal Pictures

Questo quinto viaggio è a dir poco entusiasmante: è fantascientifico, ricco di effetti speciali in grado di rendere tutto credibile e coinvolgente, ed è divertente oltre la più rosea aspettativa. I protagonisti sono solo quattro ma riescono a non farci sentire la mancanza di mille comprimari e delle tanto in voga (quanto inutili) sotto-trame. L’azione è molta, i famigerati T800 e gli evoluti (sempre agguerriti) T1000 saltano fuori da ogni dove facendoci temere il peggio, e il nuovo corso degli eventi è talmente ricco di suspense da tenerci incollati allo schermo come nei migliori thriller.

E poi c’è lui, Arnold Schwarzenegger, il vero e insuperabile eroe, che si presenta “datato ma non obsoleto” e ci regala una serie interminabile di scene tanto adrenaliniche quanto spassose. Merito sicuramente degli autori (in stato di grazia) ma anche di un attore che negli ultimi tempi non ha sbagliato un colpo. Schwarzenegger e il suo personaggio sono perfetti: rigidi, letali e amabili, insomma, sono tutto tranne che impolverati e sono decisivi per la riuscita del progetto. Ci ha quindi stupito leggere che in patria il film non abbia ammaliato il pubblico com’è riuscito a fare con noi.

Photo: courtesy of Universal Pictures
Photo: courtesy of Universal Pictures

TERMINATOR GENISYS è un mix esplosivo d’ironia, di omaggi al passato, di sorprese e di trovate sensate, che inietta nuova linfa vitale a una storia che pareva destinata a rimanere arenata per sempre. Invece, il regista Alan Taylor (e i suoi collaboratori) è riuscito a vincere la scommessa: ci ha presi per i capelli e ci ha fatto correre, sospirare e tifare per “Pa’” e i suoi giovani protetti abbattendo le nostre iniziali reticenze nei confronti del suo background televisivo, che ci aveva fatto temere di dover assistere a un noioso e patinato simil-puntatone di una serie TV.

La pellicola è in sala da giovedì 9 luglio 2015 e, nonostante quanto si mormori, grazie a piccoli aiuti seminati qua e là, è fruibile da tutti, non solo dagli afficionados. Per la gioia di questi ultimi è già in programma un sequel, per gli altri saranno solo due ore d’intrattenimento d’alto livello. Visione consigliata a chi è in cerca di evasione mainstream e non si cruccia della continuità retroattiva.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi