Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione Il crocevia delle tre vedove di Georges Simenon

Recensione Il crocevia delle tre vedove di Georges Simenon

Lo so, lo so. Uno si aspetterebbe che nella libreria di un appassionato di gialli e noir campeggino un paio di scaffali su cui riposino, in rigoroso ordine di uscite, gli oltre settanta romanzi di Simenon dedicati alle vicende del mitico – quasi mitologico – commissario Maigret. E in effetti, se la memoria non mi inganna, a casa del Fratellone è proprio così.
Per motivi che non sono francamente in grado di spiegare in quella sorta di biblioteca che è diventato il nostro soggiorno non è così. Non che non mi sia goduto alcune delle avventure del Commissario per antonomasia, ma non ho mai sentito il bisogno di completare compulsivamente la raccolta. Il giro del mondo letterario e la sua sosta in Belgio mi hanno offerto la possibilità di tornare, parzialmente, sui miei passi.
belgio
Dovendo selezionare mi sono affidato alla lista dei 1001 libri da leggere a ogni costo, che indica “Il crocevia delle tre vedove” tra i romanzi su cui è quasi obbligatorio mettere le pupille. E ho scoperto un Maigret leggermente diverso da quello che ricordavo di aver accompagnato.
il-crocevia-delle-tre-vedove
E’ innegabile che gran parte del fascino del protagonista risieda nella capacità di lasciasi “avvolgere” dal delitto su cui sta indagando, mirando a una comprensione della vicenda umana della vittima e dell’assassino; inevitabilmente, l’introspezione, la riflessione, il pensiero prevalgono sulla pura azione, in una netta prevalenza psicologica che, nella giallistica moderna, mi è parso solo di intravedere in alcuni dei romanzi di Mankell.
Ecco, “Il crocevia delle tre vedove” è la più classica delle eccezioni che confermano la regola: fermo restando che l’atmosfera opprimente del luogo (un crocevia – appunto – in cui si trovano solo una villetta, un benzinaio e la casa delle Tre Vedove) e le figure inquietanti dei fratelli Andersen sono simenoniane al cento per cento, avremo il piacere di confrontarci con un Maigret attivo, protagonista persino di una scazzottata, inseguimenti, pallottole schivate con un agile (…) tuffo in un pozzo.
Aggiungi una sorta di femme fatale che sembra far perdere per qualche istante la testa al Commissario, inclusa una sottoveste che poco lascia all’immaginazione, ed ecco servito un romanzo solido, divertente, intensamente avvolgente per qualunque lettore, anche il meno avvezzo alle vicende del mistero.
Inevitabilmente lo consiglio spassionatamente, per staccare la testa dall’ufficio se siete ancora in città o per godervi una buona lettura sulla spiaggia, mortacci vostra.
Alfonso d’Agostino
SCHEDA LIBRI
Autore: Georges Simenon
Titolo: Il crocevia delle tre vedove
Traduzione: E. Muratori
Editore: Adelphi
Collana: Le inchieste di Maigret
Pagine: 141
ISBN: 978-8845912306

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi