Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Speciale Locarno 2015 – RICKI AND THE FLASH: crisi di coscienza su note rock

Speciale Locarno 2015 – RICKI AND THE FLASH: crisi di coscienza su note rock

ricki-and-the-flash_feat-img©Festival-del-film-Locarno
Photo: courtesy of Festival del film Locarno

Ricki si divide tra la sua passione e un supermarket. Di giorno fa la cassiera in un negozio di alimentari mentre alla sera dà sfogo alla sua vera indole, coltiva il suo amore per la musica. Ricki non ha più vent’anni e per inseguire un sogno ha lasciato tutto alle spalle: un (ex) marito e ben tre figli. Ma ora è arrivato il momento di affrontare ciò che è rimasto indietro.

Il nuovo film di Jonathan Demme, scritto da quel “diavolo” di Diablo Cody, racconta una storia che tocca corde comuni al Nuovo e la Vecchio continente: i sensi di colpa, il diritto alla seconda opportunità, il guardarsi allo specchio e dover prendere di petto le conseguenze (spesso poco piacevoli) delle proprie scelte.

La figlia di Ricki è stata lasciata dal marito e non l‘ha presa con fair play. La tragedia è accaduta in concomitanza con altri importanti eventi. Il padre, non sapendo a chi rivolgersi, ha la malaugurata (?) idea di telefonare a Ricki che – ovviamente – sale sul primo volo per Indianapolis. Inevitabilmente, una donna così fuori dagli schemi creerà presto scompiglio anche se non è detto sia un male.

Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Photo: courtesy of Festival del film Locarno

RICKI AND THE FLASH è un film che strappa sorrisi e sospiri, qualche uscita è più che buona, e la sua protagonista ha il volto della camaleontica e sempre perfetta Meryl Streep. Qui l’attrice riesce a rendere reale la protagonista, una donna con più di un fallimento alle spalle, a ridarle dignità e a infonderci una bella dose di speranza: anche quando le cose paiono volgere al peggio, possono sorgere opportunità positive impreviste.

Un difetto, un domani, potrebbe trasformarsi nell’asso nella manica in grado di fare del bene a chi amiamo. Andare sempre avanti con coraggio e senza mai mollare è, forse, il messaggio più forte che rimane impresso dopo la visione  della pellicola che ha inaugurato le proiezioni in Piazza Grande di questa 68° edizione del Festival.

Tutti abbiamo diritto a inseguire i nostri sogni, dobbiamo però essere pronti a lottare per loro e – soprattutto – ad affrontare con fierezza le conseguenze, anche quando non sono quelle che ci auguravamo.

Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Photo: courtesy of Festival del film Locarno

Non sono madre e, forse, questo è il motivo per cui il lato doloroso della separazione di una donna dalla propria famiglia, il rancore di un figlio verso il genitore che l’ha lasciato anzitempo e l’indissolubilità dei legami di sangue, non li ho avvertiti come i punti più dolorosi su cui riflettere. O, forse, il motivo è più semplice: questo film non è dei più memorabili del regista, dell’autrice, della sua prima attrice.

RICKI AND THE FLASH è equilibrato: non strazia e non fa sganasciare. È una commedia drammatica (una dramedy, direbbero gli anglosassoni) che piacerà a coloro che nella vita hanno commesso errori e hanno convissuto con un radicato senso di colpa e d’inadeguatezza. In pratica, è diretto a tutti gli esseri umani adulti, chi più chi meno.

Ciò nonostante, c’è un però: la sufficienza è raggiunta solo grazie alla sempre perfetta e irraggiungibile signora Streep. Lei non è solo Ricki ma tutto il film. Spero che il pubblico le sia riconoscente per aver reso Ricki tanto sobria e per avergli salvato la serata da un potenziale disastro.

Vissia Menza

Last update: il 7 agosto 2015 alle ore 23:55

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi