//A spasso tra cibo e arte alla Triennale di Milano

A spasso tra cibo e arte alla Triennale di Milano

By | 2015-09-28T09:18:53+00:00 settembre 19, 2015|Mostre|
Qualche anno fa (a dire il vero molti anni fa) è andato in onda una iconica pubblicità delle Fruit Joy. “Alle morbide Fruit Joy / tu resistere non puoi / devidevidevi masticar “.
fruit joy spot basket
Ora, tralasciando il contenuto cestistico che agli appassionati della palla a spicchi non può che far piacere, una sfida tutto sommato simile è incidentalmente proposta ai visitatori di “Arts & Foods – Rituali dal 1851“, mostra organizzata alla Triennale di Milano che sta accompagnando tutto il periodo EXPO. Riusciranno i nostri eroi a terminare la visita senza avvertire non dico i morsi della fame ma anche un semplice languorino allo stomaco?
ArtsFood
“Arts & Foods – Rituali dal 1851 ” occupa gioiosamente quasi tutti gli spazi interni ed esterni del sito espositivo, con una gradevole alternanza di opere d’arte immediatamente riconoscibili, installazioni, contributi video, tutti in rigoroso ordine cronologico.
Ci si aggira così fra un Manet e un Picasso, fra un impressionista e un divisionista, ci si gode tutta la novità portata dai futuristi (perfettamente inquadrata anche da un punto di vista storico) e ci si indirizza verso le chicche del primo piano, dove a farla da padrona è l’arte contemporanea.
triennale_arts_food_fotogramma__11__1
Poi, proprio mentre ti stai muovendo fra un hamburger enorme (ed ecco spiegata la bottiglia di ketchup gigantesca in esterno…) e un gruppo di würstel accampati in campeggio, compaiono lui (nel senso dell’artista) e lei (nel senso del soggetto). E’ inevitabile: pur spaziando in una sala che ospita tanto altro – incluse le foto del mio grandissimo McCullin – lo sguardo è inevitabilmente attratto dalla “Woman with shopping bags” di Mueck, e mentre ti accorgi di quanto quella scrittura piccola ma gigantesca stia colpendo tutti coloro che le stanno attorno ti accorgi di commuoverti persino un po’. Non c’è niente da fare: un elemento di pura e dirompente Verità colpirà sempre il cuore, senza alcun dubbio.
ron-mueck-woman-with-shopping-2013
Alfonso d’Agostino

Arts & Foods – Rituali dal 1851
Padiglione di Expo 2015 in città
fino al 1 novembre 2015
c/o Triennale di Milano
Viale Alemagna 6, Milano

ORARI
tutti i giorni
10.00 – 23.00

BIGLIETTI
€ 12 intero
gratuita con biglietto EXPO

CATALOGO
A cura di Mondadori Electa

Dici Alfonso e pensi alla sua amata Triestina, alla sua biblioteca (rigorosamente ordinata per case editrici) che cresce a vista d’occhio, alla Moleskine rossa sempre in mano e alla adorata Nikon con la quale cattura scorci di quotidianità, possibilmente tenendo il corpo macchina in bizzarre posizioni, che vengono premiati ma non pensiate di venirlo a sapere. Se non vi risponde al telefono probabilmente ha avuto uno dei tanti imprevisti che riuscirà a tramutare in un esilarante racconto di “Viva la sfiga!”. Perché lui ha ironia da vendere ed un vocabolario che va controcorrente in questo mondo dominato dagli sms e dagli acronimi indecifrabili. Decisamente il più polivalente di tutti noi dato che è… il nostro (e non solo) Blogger senior che con il suo alfonso76.com ha fatto entrare la blog-o-sfera nella nostra quotidianità.

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi