Ma se domani... > Cinema > Recensioni Film > Il Piccolo Principe: le pagine di Antoine de Saint-Exupéry diventano film

Il Piccolo Principe: le pagine di Antoine de Saint-Exupéry diventano film

il-piccolo-principe_poster

Il Piccolo Principe, il romanzo scritto da Antoine de Saint-Exupéry nel lontano 1943, che narra dell’incontro tra un aviatore e un giovane principe nel mezzo del deserto, arriva su grande schermo. Frutto di una collaborazione tra professionisti europei e lonsangelini, la pellicola è un’animazione che unisce stop motion a computer animation per regalarci una favola colorata, ironica, con un’identità ben distinta dal testo pur riuscendo a essere emozionante quanto l’originale. L’opera, presentata fuori concorso all’ultimo Festival di Cannes, è diretta da Mark Osborne (Kung fu Panda) ed è un’iniezione di amore e un racconto per immagini in grado di appassionare i piccoli e rapire i grandi. Dal 1 gennaio 2016, anche nei cinema italiani.

 

RECENSIONE

 

“È il tempo che hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante”

Una citazione emblematica, che unisce generazioni di lettori di tutto il mondo tratta da Il Piccolo Principe, un libro caro a molti che già dalla sua nascita si doveva capire avrebbe avuto grande eco. Ci sono, infatti, romanzi di formazione per ogni periodo della vita e ci sono storie che non hanno età o destinatari precisi. Ci sono opere che leggi e dimentichi in un soffio, altre che ti rimangono nel cuore per sempre e il famoso romanzo per ragazzi datato 1943 appartiene a questo secondo gruppo. Le righe scritte da Saint- Exupéry compongono una favola universale che ha superato le decadi conservando intatta la sua poesia e oggi riesce a sedurre con pari forza il popolo del nuovo millennio. Quello narrato è il magico incontro tra due persone e la nascita di un’amicizia che pare un sogno: un aviatore e un principe giovane giovane, piccolo piccolo, che arriva da una stella lontana lontana, si ritrovano uno difronte all’altro nel silenzio di un deserto e… la nostra fantasia inizia a volare.

il-piccolo-principe_il-principe_photo-courtesy-of-LuckyRed
Photo: courtesy of Lucky Red

Riprodurre su grande schermo la semplicità delle immagini, la grandezza delle emozioni nascoste in ogni pagina, la capacità di trasformarsi in specchio della nostra anima, non era sfida semplice, ma Mark Osborne e il suo gruppo non si sono lasciati scoraggiare e alla fine hanno vinto la scommessa: il film da poche ore nelle sale italiane è un’incantevole animazione che unisce passato e presente con ritmo, ironia e un tocco nostalgico. Due sono i protagonisti, una bambina con una mamma, che vuole il meglio per lei e finisce per programmarle ogni istante sino a rubarle l’infanzia, e un ragazzino nato dagli schizzi dell’eclettico e anziano vicino di casa. Sarà proprio il vecchio e maldestro aviatore, tanto buffo quanto abile contastorie, a stimolare la creatività della bimba, a farla giocare, ridere e sognare, a insegnarle l’importanza del ricordo, dei sentimenti, dell’amore, unico motore che dà un senso alle nostre esistenze.

il-piccolo-principe_la-bimba-e-l'aviatore_photo-courtesy-of-LuckyRed
Photo: courtesy of Lucky Red

“Mai dimenticare e vedere sempre col cuore, unico mezzo per arrivare all’essenza e la verità delle cose”. “Ciò che è veramente importante è invisibile agli occhi”. È grazie a simili messaggi attinti dall’omonimo testo, che il lungometraggio riesce a toccare le nostre corde di adulti e a catalizzare i bambini presenti. Splendida è la musica, adorabili sono le tante battute, perfetta è la tridimensionalità dei personaggi di oggi che si contrappone alla leggerezza dei disegni di ieri (i quali ricalcano i famosi acquerelli con cui lo stesso Saint-Exupéry aveva corredato la prima pubblicazione del suo capolavoro).

Il Piccolo Principe che apre questo 2016 è un inno alla gioia, alla memoria, al condire con un pizzico d’imprevedibilità le nostre vite, a non smettere mai di essere fanciulli, ad elidere il grigio che impedisce alle emozioni più pure di sbocciare in tutta la loro bellezza e ci porta lontano dentro immagini dorate che omaggiano delicatamente quel racconto che ci accompagna da sempre e che si stava perdendo nei meandri della nostra memoria.

Siamo uomini, siamo fatti per sognare, senza amore non siamo nulla. Non dimentichiamolo mai. Ecco il primo proposito dell’anno appena iniziato.

Vissia Menza
Recensione anche su CineAvatar.it

 

 

Related posts

Comment(1)

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi