Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Al cinema il noir 1981: Indagine a New York

Al cinema il noir 1981: Indagine a New York

a-most-violent-year_poster

New York, 1981. Qualsiasi abitante della Grande Mela ricorda bene gli anni ’80. Un periodo di violenza inaudita, di corruzione e scalate sociali spietate. L’81, secondo le statistiche, fu il peggiore, a most violent year, appunto. In questa cornice di riscatto e voglia spasmodica di successo, s’inseriscono Abel Morales e la sua bella moglie Anna. Lui è ossessionato dal fare le cose per bene ed ha una fiducia incrollabile nella giustizia e nella meritocrazia, lei è figlia di un boss locale ed è ancora più determinata del marito a vincere. Lui ha il volto di Oscar Isaac, lei è Jessica Chastain. Grandi amici nella vita, coniugi affiatati e ottimi complici sullo schermo, i due recitano in un film dalle forti tinte noir, dallo svolgimento cosi intenso da convincere anche una platea del Vecchio Continente nonostante tratti di una storia tutta americana.

a most violent year_film-still_courtesy-of-movies-inspired
Photo: courtesy of Movies Inspired

Terzo lungometraggio di J.C. Chandor, regista dell’acclamato Margin Call e di All is Lost – Tutto è perduto, 1981: Indagine a New York è uno di quei thriller densi, cupi, drammatici, che ti trascinano con determinazione dentro le pieghe della propria trama, che ti fanno sentire il respiro dei protagonisti, che ti tengono attento sino all’ultima battuta di un finale che ti lascerà sfinito ma soddisfatto. Con un’aura fané e una fotografia calda, la pellicola ci riporta indietro nel tempo, nel quotidiano, nell’intimo di un marito e imprenditore che dovrà fare i conti con la volontà e con una realtà costellata di minacce e altre scorrettezze. Nonostante la fede nel sogno americano, il nostro Abel si confronterà coi propri limiti, scoprirà le risorse nascoste della propria moglie, subirà le conseguenze tipiche per un ispano-americano che pensa in grande e vuole avere tutto senza scivolare nell’illegalità – e quel conto sarà salato.

a most violent year_oscar-isaac_courtesy-of-movies-inspired
Photo: courtesy of Movies Inspired

L’alchimia tra i due attori è palpabile e le difficoltà (e le angosce) che deve affrontare Abel, diventano le nostre. L’esplorazione dell’animo sempre più tormentato dell’uomo avviene con lentezza, facendoci assaporare ogni momento e provocandoci più di un sussulto quando intuiamo come si evolveranno alcuni passaggi. Oggettivamente l’opera è priva di roboanti colpi di scena, in compenso ci regala due ore di intrighi, supposizioni, vittorie, sconfitte, disillusioni e speranze. La tenacia e la buona fede che sprigiona il nostro eroe ci sconvolge e ci rinvigorisce.

La ricostruzione di un’epoca andata è accurata. Chi era troppo piccolo o distante da New York quando si svolsero i fatti non può fare a meno di provare curiosità e rimanere sedotto dal turbinio di passione e sfacelo, dalle inquadrature dolci e ammalianti e dalla City che ogni tanto compare maestosa. Chi c’era, probabilmente proverà empatia col povero Abel e, sospirando, ricorderà uno dei periodi più cupi della propria città. Gli altri subiranno il fascino di questa storia tutta americana che si sviluppa in una delle metropoli più indimenticabili del Nuovo Mondo.

1981: Indagine a New York è un film che non ti aspetti: è elegante, attento e mostra la fragilità dell’essere umano contrapposta alla durezza del business. È istintivo. È da vedere.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi