///Al Cineforum – IO CHE AMO SOLO TE: voglia di mare

Al Cineforum – IO CHE AMO SOLO TE: voglia di mare

By | 2016-03-03T10:48:01+00:00 febbraio 8, 2016|Cinema, Recensioni Film|

io-che-amo-solo-te_poster

la locandina è variopinta

la sala

buia

e

i nostri animi effervescenti

avvinghiati a Damiano e Chiara in sella a uno scooter che scorrazza spedito rasente i muri bianchi lungo i vicoli di Polignano a Mare, ho i brividi, sollevo un ginocchio, rannicchio una spalla, ondeggiamo tutti a sinistra e poi a destra in sintonia con le svolte, gli occhi curiosi spaziano in tutte le direzioni a caccia di qualche abitante, ne basterebbe anche uno solo accucciato su una seggiola accanto a una porta colorata o chissà di rientro a casa, ma non c’è anima viva così ci godiamo la quiete in attesa dello svolgersi degli eventi, sentiamo il profumo della salsedine e dei fiori tra un susseguirsi di panorami mozzafiato

Io-che-amo-solo-te_1_photo-claudio-iannone

abbiamo

tutti

un’improvvisa

voglia di mare

ah

la Puglia

che

meraviglia

Io-che-amo-solo-te_2_photo-claudio-iannone

la trama è intrigante, a tratti scontata, gli attori impeccabili, uno più bello dell’altro, gioia per gli occhi e felicità per le orecchie, si ride sempre di gusto tranne quando, ahimè, entra in scena direttamente da Pinerolo quella voce sgradevole, una macchia sulla camicia bianca, ma come è possibile, è solo giovedì sera, la fine settimana è ancora lontana, mi sto spazientendo, decido di alzarmi e di andarmene quando un viso armonico viene in mio soccorso riportando la pace sullo sfondo di una costa incantevole, spiagge dorate, case arroccate a picco sul mare, l’amore negli occhi, un matrimonio da organizzare, i malintesi, i tradimenti, le debolezze, mi sento subito meglio, ma per poco, a intervalli regolari torna quella voce stridula che mi toglie il fiato e raggrinza la pelle, eppure c’è gente in sala che ride di gusto

mi

starò

forse

sbagliando

Io-che-amo-solo-te_3_photo-claudio-iannone

ormai ci sentiamo parte di questa grande famiglia meridionale costellata da simpatici nomi e nomignoli Ninella, Mimì, o meglio Don Mimì, Damiano, Chiara, Franco, Matilde, Pascal, Daniela, una bella combriccola alla ricerca di autenticità ad ogni costo

le vicende scorrono veloci e inevitabili trascinandomi in luoghi inesplorati della mente e facendomi versare qualche lacrima di nostalgia, mi guardo intorno, una nostalgia collettiva, quanti occhi lucidi

tutto è bene quel che finisce bene

credo proprio l’estate prossima una capatina in Puglia la farò

grazie

Marco Ponti

per

l’inconsapevole suggerimento

Elisa Bollazzi

Artista e scrittrice si diletta a trasformare in un flusso di parole la sua vita itinerante da una galleria a un museo da una sala cinematografica a un teatro da un incontro con l’autore a una biennale.
Inizia a scrivere a sei anni sotto l’amorevole guida dell’adorata maestra Luigia. Dapprima le vocali: 40 a 40 e 40 i 40 o 40 u in seguito le consonanti, 40 per ognuna e quindi tutte in fila. Di lì a poco vocali e consonanti abbracciate in mille modi all’apparenza indecifrabili: ab ac al am an ao ar as at au av az Ba bo bu Ca cc ci cr cu Da du Aa dd nn pp ss vv zz, inspiegabili suoni che d’un tratto trovano un senso e come d’incanto si trasformano in parole e pensieri. Elisa sa guardare, ascoltare, pensare e ora anche scrivere: il gioco é fatto!
Dal 1990 si dedica con devozione al suo Museo Microcollection

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi