Ma se domani... > Cinema > Recensioni Film > LEGEND: Tom Hardy si sdoppia per i gemelli Kray

LEGEND: Tom Hardy si sdoppia per i gemelli Kray

legend_poster

Ronnie e Reggie son fratelli, sono gemelli, sono identici in tutto tranne che nei gusti e nei modi. Ronnie ama le maniere forti, non ha mezzi termini e vive controcorrente. Reggie è coraggioso, è charmant, è un animale sociale e sa tessere rapporti d’affari proficui per tutti, soprattutto se poco leciti. Insieme, i due sono complementari e incutono cosi tanto timore da assurgere ben presto a Re di Londra. Siamo negli anni ’50 – ’60 e questo insolito duo di gangster riuscì ad avere l’intera City nelle proprie mani al punto di ingolosire la mafia d’oltre oceano.

Come si confà alle migliori favole, però, alla fine sopraggiunse la resa dei conti. Dopo un bagno di sangue il bene trionfò ed entrambe finirono col trascorrere i loro giorni, per motivi diversi, sotto chiave. La loro è una di quelle storie vere che ben si adatta ad arrivare su grande schermo: la realtà supera notevolmente la finzione e offre un equilibrato mix di tensione, azione e romance. C’è l’ascesa, la tragedia e la caduta. C’è l’amore per una donna e il confronto con la famiglia. E non manca la volontà di redenzione unita all’impossibilità di cambiare la propria indole.

legend_i-gemelli-kray_courtesy-of-01distribution
Photo: courtesy of 01 Distribution

La vita dei gangster londinesi, confluita nel 1972 nel libro di John Pearson The Profession of Violence: The Rise and Fall of the Kray Twins, e impressa su pellicola per la prima volta nel 1990 in The Krays – I corvi, torna oggi sotto i riflettori con nuovo smalto e con un protagonista d’eccezione, Tom Hardy. L’attore britannico, recentemente candidato all’Oscar® per l’eccezionale interpretazione in Revenant – Redivivo, regge da solo tutto Legend, (questo il titolo del film), riporta in vita sia Ron sia Reggie e si dimostra una volta in più camaleontico, davvero a suo agio in ruoli insidiosi. Il risultato è che dimentichiamo il tempo e, considerando la durata di oltre 130 minuti, ciò non era scontato.

Nonostante si senta la mancanza dietro la macchina da presa di una mano in grado di far emergere performance memorabili, il regista norvegese Brian Thomas Helgeland (famoso per aver sceneggiato opere come Mystic River e L.A. Confindential, per cui vinse un Oscar®) ha il merito di sviluppare la trama senza mai perdere il ritmo. Riesce a catalizzare lo spettatore e gli rende i Kray (e i loro metodi) quasi simpatici. Tratteggia il legame particolare che unisce i due senza mai eccedere, senza sprofondare in un dramma traboccante risvolti psicologici, che avrebbero appesantito un racconto in cui l’amore è il fil rouge.

Photo: courtesy of 01 Distribution
Photo: courtesy of 01 Distribution

Il narrante è, infatti, Frances, la moglie del fascinoso Reggie, la quale esordisce ricordandoci che “ci vuole molto amore per odiare tanto una persona”. La fotografia dona una patina vintage, la musica ci riporta indietro e l’incredibile e passionale tragedia ci trascina lontano dimenticando le imperfezioni e senza sentire la necessità di essere difronte ad un capolavoro.

Legend probabilmente non vi rapirà il cuore per sempre ma ha una confezione accurata e, con attenzione, in modo sobrio ed elegante, racconta una storia sanguinosa e poco conosciuta, in grado di sedurre tutti, non solo i giovani.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi