Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Aspettando Il Cacciatore e La Regina di Ghiaccio: Charlize Theron a Milano

Aspettando Il Cacciatore e La Regina di Ghiaccio: Charlize Theron a Milano

Ieri a Milano è arrivata una regina direttamente dalle pagine di una favola, parliamo di Ravenna anche nota come la “regina cattiva” di Biancaneve alias la statuaria Charlize Theron. Alcuni quotidiani hanno titolato “Charlize incanta Milano” altri hanno preferito il verbo “seduce”, noi aggiungiamo “ammalia” e soprattutto “conquista” tutti i presenti.

L’attrice premio Oscar® è regale nel portamento, morbida nel gesticolare, sorridente ed estremamente gentile nella sua professionalità, è ineccepibile e non perde il sorriso neanche quando le domande si fanno bizzarre. La sala della conferenza stampa è assiepata di curiosi e speranzosi: chi di vedere l’attrice che indossa i panni di Ravenna nel prequel/sequel di Biancaneve e il Cacciatore del 2012, chi di vedere la trasformazione della valorosa Furiosa (l’eroina di Mad Max: Fury Road) nella perfida sovrana che combatte Biancaneve. E proprio da un parallelismo tra le due donne forti, determinate e tanto differenti ha mosso i primi passi l’incontro di ieri.

L’occasione di avere la splendida interprete in visita nel capoluogo lombardo è stata l’imminente uscita del film LA STORIA PRIMA DI BIANCANEVE – IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO diretto da Cedric Nicolas-Troyan (nelle sale Italiane dal 6 aprile per Universal Pictures International Italy), secondo capitolo della rivisitazione della fiaba con cui siamo cresciuti. Ravenna è splendida ma ossessionata da potere e bellezza, ed è molto diversa da quella che ricordavamo. Le favole cambiano perché i tempi cambiano e gli eroi non possono che adattarsi: ora i principi azzurri son messi in un angolo a favore di meravigliose dame, al contempo fragili e forti, tutti da scoprire ed amare. Ed è forse questo il punto di forza della sua Ravenna: così moderna nella determinazione, così umana e timorosa nel guardare quello specchio che esprime solo verdetti inappellabili e alla fine, nonostante sia l’incarnazione del male ci piace.

Più che i meandri della pellicola in arrivo tra pochi giorni, è stata esplorata la fiaba: come sia stato plasmato e svecchiato un mondo con due secoli di polvere sulle spalle, diverso da quello che troneggia nell’immaginario collettivo; il rapporto che la donna – Charlize Theron ha avuto con la sua maligna sovrana, in particolare, e con i personaggi che sceglie di interpretare, in generale; e la sua idea di fairy tale.

Che cosa ricorderemo di questo incontro? La leggiadria dei suoi gesti; il suo entusiasmo nel raccontare la metamorfosi in una “regina cattiva”; gli occhi gioiosi e sgranati nel descrivere la magnificenza e ricchezza dei costumi (e la fatica nel tenerli addosso per otto ore); il suo essere mamma, che racconta le favole e scopre la loro attualità e morale insieme ai figli all’ora della buonanotte. E ancora, il suo essere donna-femminista che ama gli uomini e crede che una diversa educazione possa cambiare il futuro; e, anche un frivolo dettaglio come il fatto che sia l’unica signora in grado di apparire meravigliosa indossando una blusa beige.

Per ingannare il tempo, in attesa dell’uscita de LA STORIA PRIMA DI BIANCANEVE – IL CACCIATORE E LA REGINA DI GHIACCIO, vi lasciamo con il trailer ufficiale.

Vissia Menza

 

Related posts