Ma se domani... > Cinema > Festival > Film in concorso al FCAAAL 2016: ROSA CHUMBE di Jonatan Relayze Chiang

Film in concorso al FCAAAL 2016: ROSA CHUMBE di Jonatan Relayze Chiang

Photo: courtesy of FCAAAL
Photo: courtesy of FCAAAL

In concorso al Festival del cinema Africano, d’Asia e America Latina 2016 anche un’opera in arrivo dal lontano Perù: Rosa Chumbe, storia di Rosa, una donna di mezza età, sola e solitaria, un’imbronciata e sonnecchiante agente di polizia che vive con la figlia e il nipotino. Rosa ha il vizio del gioco e la brutta abitudine di alzare il gomito. La sua quotidianità non è un sogno ad occhi aperti e la donna annega la disperazione in un silenzioso insieme di errori illudendosi di avere tutto sotto controllo. Il giorno in cui la figlia scompare, Rosa, che non sorride mai ed è appena stata sospesa, si ritrova a dover badare oltre a sé stessa anche al bimbo e le “sorprese” non tarderanno ad arrivare.

Esordio nel lungometraggio di Jonatan Relayze Chiang, il film descrive l’inesorabile discesa in un inferno dantesco della protagonista, una donna alla quale la vita ha regalato così tanta mortificazione da non ravvedere più gioia o speranza. Anestetizzata dalla routine, dal gioco e soprattutto da litri di superalcolici, Rosa raggiunge ben presto un grado d’incoscienza tale da avere bisogno di un miracolo per riuscire a salvarsi. Non stupisce quindi che la giovane figlia sia alla deriva e presto sparisca non preoccupandosi delle conseguenze delle proprie azioni.

La pellicola del regista cino-peruviano, nonostante gli stringati dialoghi e un supporto musicale ridotto, gode di un ritmo invidiabile e riesce mirabilmente a trasportare lo spettatore nella misera dimora di quell’anima persa, a fargli avvertire uno strano odore di aria stantia e pannolini da cambiare, e a fargli notare con fastidio crescente il respiro alcolico della protagonista. Fastidio, appunto, incredulità, perdita di pazienza e un pizzico speranza, sono le sensazioni che assalgono chi s’immerge nel film grazie anche alla bravura di Liliana Trujillo (la nostra Rosa), attrice dalla solida carriera alle spalle, in grado di reggere da sola la responsabilità di una storia dura e complessa, specchio di problemi senza confini.

Cupo nei colori, claustrofobico nelle situazioni e nei luoghi, Rosa Chumbe è consigliato a chi ama le odissee di persone tenaci, imperfette e sofferenti, simbolo di un disagio più ampio. Un titolo da maneggiare con molta cura in caso di amore spasmodico verso i fantastici giocattoloni made in USA.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi