Ma se domani... > Cinema > Festival > Mademoiselle (Handmaiden): un’elegante storia di amori e segreti

Mademoiselle (Handmaiden): un’elegante storia di amori e segreti

In Concorso è arrivato anche il giorno dell’attesissimo Mademoiselle (Handmaiden) del coreano Park Chan-Wook, il regista di Oldboy (l’originale, non l’opinabile rivisitazione a stelle e strisce), di Lady Vendetta e del recente Stoker.

Mademoiselle è la storia di una cameriera molto speciale, Sookee, una ragazza di umili origini che viene inviata sotto mentite spoglie a servizio nella magione di Hideko, una giovane giapponese che vive nella Corea occupata degli anni ’30. Hideko è tanto ricca quanto triste ed è sotto la tutela di uno zio poco socievole, rigido nella disciplina e maniacalmente legato alla sua collezione di libri rari, dal contenuto unico, che ama far leggere alla ragazza difronte a un’audience di uomini meticolosamente selezionati.

A meno di un miracolo, Hideko è destinata a un’esistenza d’isolamento, in cui l’unica compagnia è quella del vecchio parente che un giorno dovrà sposare. Il miracolo, accadrà e avrà il volto di un misterioso Conte ma nulla sarà come sembra. I tre protagonisti (Hideko, Sookee e il Conte) custodiscono segreti che si sveleranno durante un racconto semplice da seguire ma carico di tensione e sorprese. Mademoiselle è, infatti, un crescendo di suspense e ardore, quello della passione, delle ossessioni, della paura che s’insinua nei cuori dei tre giovani e travolge i presenti in sala.

Photo: CJ Entertainment
Photo: CJ Entertainment

Guardare, e un po’ anche scrutare, è il verbo che meglio descrive ciò che ci impegna per un paio di ore. Il maestro coreano ci porta con discrezione, quasi di soppiatto, entro quelle mura che custodiscono i ricordi di troppi amori e dolori persi nel tempo e, quasi fossimo ladri d’immagini, ci fa vagare nel privato dei tre personaggi, ci permette di rubare loro attimi di profonda intimità e di scoprire bellezza e crudeltà ben celate, senza mai violare i loro pensieri.

Mademoiselle è un thriller meno crudo della trilogia della vendetta e ben più seducente e ricco di quanto ci si aspettasse dopo il delicato Stoker. Adattamento per il grande schermo del romanzo Ladra (Fingersmith) di Sarah Waters, il lungometraggio di Park Chan-Wook porta gli eventi in un’altra epoca e in un luogo lontano per trascinarci in un racconto patinatissimo in cui amore, intrighi, erotismo e follia si sfiorano, toccano e legano per sempre. È un turbinio di emozioni impreziosito da costumi non casuali e una fotografia che dona eleganza e armonia alle scene. È un piacere per gli occhi, inebria chi guarda. È ironico, drammatico, raffinato ed emana sensualità a ogni nuova inquadratura.

Per un pubblico adulto. Da non perdere.

Vissia Menza

Photo: CJ Entertainment
Photo: CJ Entertainment

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi