Ma se domani... > Cinema > Festival > Il film LOVING: una storia d’amore semplice, pura e commuovente

Il film LOVING: una storia d’amore semplice, pura e commuovente

La locandina del film LOVING

Ultimamente la parola matrimonio ha fatto spesso capolino sulle prime pagine dei giornali. Pare ci si debba preoccupare se due persone che si amano decidono di formalizzare il proprio rapporto e corredarlo da vincoli legali. Non comprendo come amore possa essere sinonimo di problema ma andando indietro nel tempo, direi che gli esseri umani hanno sempre avuto un rapporto conflittuale con tale lemma. Oggi sono le unioni tra persone dello stesso sesso, ieri erano i matrimoni interraziali e prima ancora temo potrei scoprire che dessero fastidio quelli tra persone di nazionalità differenti o di città troppo distanti. Follie del genere umano.

Tornando al nostro parallelismo tra il presente e il passato, molti di noi forse non sanno che una delle sentenze usate per convincere la Corte Suprema Americana a riconoscere i matrimoni gay è stata Loving vs. Virginia che nel 1967 pose fine ai limiti legali alle unioni interraziali.

I coniugi Loving, nati e cresciuti nella contea di Caroline (Virginia) – una comunità apparentemente integrata in cui tutti, uniti dal comun denominatore della povertà, si aiutavano indipendentemente da credo, colore della pelle, e origini varie – erano giovani, innamorati e in attesa del loro primo figlio quando decisero di sposarsi a Washington DC. E quest’ultimo era un dettaglio di non poco conto. Nello stato della Virginia, infatti, all’epoca (erano gli anni ’50) il matrimonio tra Richard (bianco come un cencio) e Mildred (di origini afroamericane) era illegale e considerato contro natura, “altrimenti Dio non avrebbe creato le razze ponendole in continenti differenti”. Ohibò. I due furono quindi condannati ad un anno di prigione o all’esilio per 25 (!) anni.

Rimanere lontani dalle proprie famiglie per un quarto di secolo era cosa inaccettabile e dolorosa per entrambi così la dolce e fragile Mildred un giorno, a cinque anni dalla sentenza, decise di scrivere una lettera che cambiò per sempre la vita sua e di molti altri.

Ben Rothstein © Big Beach, LLC
Ben Rothstein © Big Beach, LLC

La storia d’amore dei signori Loving è radicata nella cultura americana, è citata in canzoni e ballate, ed è stata oggetto di un documentario nel passato recente che ha attirato l’attenzione dei produttori del film presentato in questo caldo lunedì di maggio a Cannes 2016.

Loving è la nuova fatica di Jeff Nichols che concorre per la Palmarès e, dati gli applausi insistenti (sino ad ora mai uditi), il regista di Midnight Special (in concorso a Berlino solo pochi mesi fa) ha la possibilità di rincasare con un premio o una menzione. La sua pellicola è delicata, mai urlata o violenta, ci tiene sulla corda pur sapendo cosa accadrà ai protagonisti. La macchina da presa si sofferma su piccoli ma fondamentali dettagli, sugli sguardi, i pensieri e i dolori non detti. Le parole sono misurate e scelte con cura. Alla fine, il disagio provato da Mildred è un po’ anche il nostro e la invidiamo per quel marito che nella sua semplicità la amava da impazzire e pensava solo a prendersi cura di lei.

Quello su grande schermo è il caso di una coppia riservata, che non inseguiva la notorietà, colpevole di amarsi nel momento e nel luogo (!) sbagliato. Nonostante le ripercussioni epocali del caso, molti di noi sino a poche ore fa non avevano idea dell’importanza del cognome Loving. Ci pensa il lungometraggio di Nichols che, ben lontano dal voler essere una docu-fiction o un reportage, ci regala un’opera di finzione senza sbavature in cui le atmosfere e i sentimenti sono ricreati con tocco gentile e incorniciati da una fotografia che contribuisce ad amplificare le emozioni.

Loving ci tiene attenti, ci fa soffrire, dispiacere e sul finire pure piangere. Perché pur essendo una vicenda del secolo scorso, ci fa realizzare che di amore in giro ne è rimasto ben poco.

Vissia Menza

Ben Rothstein © Big Beach, LLC
Ben Rothstein © Big Beach, LLC

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi