Ma se domani... > Cinema > Festival > MA LOUTE, in quel del Nord tra villeggianti eccentrici e misteriose sparizioni

MA LOUTE, in quel del Nord tra villeggianti eccentrici e misteriose sparizioni

ma-loute_poster

Talvolta ci capita di vedere opere che non sappiamo cosa siano, non riusciamo a catalogarle né per genere né per messaggio. Parlo di quei casi in cui la storia è bizzarra, i personaggi sono sopra le righe, la messa in scena si avvicina pericolosamente al nonsenso e si ripara dietro le citazioni colte per giustificare un divertissement. Il film Ma Loute mi ha ricordato quei casi.

Ma Loute, in concorso qui a Cannes, è la nuova fatica di Bruno Dumont, regista che dalla Croisette è rincasato ben due volte con un Grand Prix in mano. In questo 2016 ci riprova con una pellicola che dalla sinossi ufficiale pareva divertente e diversa dal solito mentre nella realtà ha diviso la platea: metà, la mia, era perplessa, non riusciva a comprenderne fine e/o ironia; l’altra metà, era completamente in estasi e ad ogni nuova freddura/ caricatura rideva con gusto.

Photo: R. Arpajou (c) 3B
Photo: R. Arpajou (c) 3B

Partiamo proprio dalla trama. Siamo a inizio 1900, per la precisione nel 1910, sulla costa d’Opale, nel nord della Francia, in un luogo selvaggio, i cui vive una comunità di pescatori, che è meta prediletta di ricchi villeggianti in possesso di case con vista sulla baia. Tra questi ultimi ci sono i Van Peteghem, tanto facoltosi quanto storditi e un po’ degenerati, la cui figlia Billie, spregiudicata e in piena crisi adolescenziale, decide di intraprendere una relazione con Ma Loute, il maggiore dei Bréfort, gente nata e cresciuta nel piccolo paese, di mestiere traghettatori, con abitudini culinarie tutte da scoprire.

Entrambe le famiglie non paiono avere le rotelle a posto e, quando una serie di sparizioni iniziano a turbare la quiete di quell’angolo di paradiso, allo sgangherato gruppo si aggiunge un investigatore con le physique du rôle di Poirot, la stazza di Nero Wolfe, e la brillantezza di una persona con problemi cognitivi. A quel punto gli eventi si avviteranno e porteranno ad un finale grottesco.

Photo: R. Arpajou (c) 3B
Photo: R. Arpajou (c) 3B

Da Dumont, professore di filosofia e autore di drammi come L’umanità e Flandres, possiamo comprendere la voglia di tuffarsi nei meandri della commedia e che lo faccia in un modo particolare. Il suo è un lungometraggio un po’ commedia caricaturale, su difetti e devianze umane, un po’ critica sociale e un po’ storia surreale, con un cast da inchino: Fabrice Luchini, Valeria Bruni Tedeschi e Juliette Binoche, formano un fantastico trio che ci regala performance superlative con cui la Binoche si conquista una bella chance di dare del filo da torcere alle colleghe per il premio di migliore attrice.

Il punto dolente di Ma Loute è che appare disarmonico, mescola troppi generi, è eccessivo nel ripetersi delle gag che funzionano, e stride sino a far perdere la pazienza allo spettatore, sovrastato dal fiume di battute e situazioni che trasudano follia (e un po’ di compiacimento) e delineano una favola da cui l’essere umano ne esce tristemente deriso.
Prima di rimanere scottati, il consiglio è quindi di ponderare con cura.

Vissia Menza 

Last update, 29 agosto 2016: il film è uscito nelle sale italiane il 25 agosto. Di seguito il trailer

 

Related posts

Comment(1)

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi