Ma se domani... > Cinema > Festival > Il film Mal de Pierres: un impolverato melò

Il film Mal de Pierres: un impolverato melò

Photo: 2016 Les Productions du Trésor - Studiocanal - France 3 Cinéma - Lunanime - Paul
Photo: 2016 Les Productions du Trésor – Studiocanal – France 3 Cinéma – Lunanime – Paul

Gabrielle è giovane, è cresciuta in campagna, in un piccolo paese dove tutti conoscono tutti, è la figlia del fattore ed è sola. Si rifugia nei libri e in quelle pagine scopre l’amore, sempre ad esse si affida per trovarlo e, come prevedibile, la scottatura sarà cocente. Gabrielle vivrà da quel momento una vita costellata di amori impossibili e la sua ostinazione si tramuterà nella sua rovina. Perché un brav’uomo che la salverà lo troverà ma non si tratterà di un principe azzurro in armatura e il lieto fine sarà lei stessa ad allontanarlo ogni giorno di più.

José è un bracciante, è onesto e le vorrà un bene infinito, la proteggerà e accetterà di vivere con una moglie instabile, alla costante ricerca del sentimento travolgente che esiste solo nelle favole, di salute cagionevole. Sarà proprio la sua condizione fisica a portarla lontano da tutto e tutti, sulle alpi svizzere, in una SPA, dove cercherà di rimettere in forma il fisico, liberandosi di quei calcoli che le provocano violenti spasmi da anni, e nel cuore, abbandonando le vecchie ossessioni. Ma, proprio su quelle montagne, incontrerà un uomo, quello giusto, forse, e ri-inizierà a sorridere, sino a quando sarà il momento di tornare alla realtà.

Photo: 2016 Les Productions du Trésor - Studiocanal - France 3 Cinéma - Lunanime - Paul
Photo: 2016 Les Productions du Trésor – Studiocanal – France 3 Cinéma – Lunanime – Paul

Mal de Pierres sono i calcoli renali, quelli di cui soffre la protagonista e quelli che crediamo di percepire a causa della lunga attesa, di un qualcosa che tarderà a palesarsi. E Mal de Pierres è la nuova fatica dietro la macchina da presa di Nicole Garcia, la regista de L’avversario e l’attrice vista a Locarno in Gare du Nord di Claire Simons, la quale porta in Concorso a Cannes 2016 una pellicola che attinge dall’omonimo romanzo (Mal di Pietre) di Milena Angus.

Una storia italiana, quindi, che si trasferisce oltre confine, e una storia di una donna che sogna l’ardore e ne rimane intrappolata o, da un’altra angolazione, che grazie alle illusioni, sopravvive a una quotidianità poco sorprendente. Nelle mani della Garcia l’opera diventa un melò in cui l’attesa mette a disagio. Perché, oltre al fatto che si tratti dell’ennesimo racconto triste di una donna sola, costretta in un matrimonio deciso a tavolino, destinata all’infelicità e forse alla follia, è anche il classico film che parla di amori anelati e cuori infranti. E, se non fosse per un mini-colpo di scena, Mal de Pierres verrebbe dimenticato ancor prima della fine della kermesse.

Photo: 2016 Les Productions du Trésor - Studiocanal - France 3 Cinéma - Lunanime - Paul
Photo: 2016 Les Productions du Trésor – Studiocanal – France 3 Cinéma – Lunanime – Paul

Il compito di rendere Gabrielle viva e fragile spetta a Marion Cotillard, oramai brava in qualsiasi ruolo, che qui si ritrova a trainare un lungometraggio che pesa come un macigno sulle sue esili spalle e attenta alla nostro buon umore. Al suo fianco un dignitoso Alex Brendemühl, nei panni del consorte che tutto accetta e tutto salva, e un moribondo Louis Garrel che appare e scompare senza mai cambiare espressione (sofferente).

Mal de Pierres è un dramma quieto e malinconico, dalle tinte fané, aggrappato a troppe frasi non dette e sguardi sospesi in cui un uomo si annienta per i capricci di una mente malata. Non c’è niente da fare, più ci pensiamo e più ci appare un lavoro lento, spento, impolverato con un forte odore di antico.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi