///IL DRAGO INVISIBILE, una dolce favola Disney torna al cinema

IL DRAGO INVISIBILE, una dolce favola Disney torna al cinema

By |2016-08-13T11:24:53+00:00agosto 13, 2016|Cinema, Recensioni Film|

Recensione del film IL DRAGO INVISIBILE in sala dal 10 agosto.

Il poster del film Il Drago Invisibile

Il poster del film Il Drago Invisibile

Ci sono  favole moderne e favole antiche, e poi ci sono le favole di casa Disney. Colorate, dolci, senza tempo, adatte a tutta la famiglia, con uno schema preciso, rodato, riconoscibile che a ogni nuovo viaggio portano lo spettatore in un mondo fantastico, dove si può tornare bambini e sognare per un paio di ore.

Il DRAGO INVISIBILE non fa eccezione. Siamo al fianco di Pete, un bimbo di 5 anni, alla volta di una vacanza con mamma e papà, quando accade la tragedia. E siamo sempre lì quando spaesato il piccolo si guarda in giro, cerca aiuto e… in suo soccorso compare un drago verde! Lo chiamerà Elliot e con lui stabilirà una sintonia che segnerà entrambi per sempre. L’idillio un giorno verrà incrinato per mano dell’uomo. Quell’uomo cresciuto, teoricamente con esperienza e saggezza, nei fatti ottuso e disattento, che in nome del dio-denaro distrugge, rispetta poco e spesso non osserva. Il lieto fine arriverà, prima però molto dovrà succedere.

IL Drago Invisibile - Foto: The Walt Disney Italia

Il Drago Invisibile – Photo: courtesy of The Walt Disney Italia

Lo dicevamo in apertura, IL DRAGO INVISIBILE è una vera storia firmata Disney pertanto farà alternativamente trattenere il fiato e sciogliere il cuore a grandi e piccini. Perché il migliore amico di Pete è solo potenzialmente pericoloso: i suoi comportamenti saranno talmente teneri da provocarci sospiri, moine e commenti a scena aperta. Il nostro tifo sarà solo per lui e per quei pochi umani così sensibili e buoni da schierarsi coi giusti, guarda caso numericamente inferiori e più deboli.

Il film scritto da Toby Halbrooks e David Lowery (che ne ha curato anche la regia) è un racconto che tocca i temi dell’amicizia, della famiglia e della crescita (soprattutto interiore). Assistiamo, infatti, alla nascita di una convivenza atipica che sarà scardinata dall’arrivo di personaggi le cui azioni metteranno in risalto la solidità del legame tra Elliot e Pete, e la maturità di quest’ultimo nel momento – obbligato – dell’emancipazione. È il trionfo dei sentimenti, degli istinti e dell’amore che sia genitoriale, fraterno o amicale.

Il Drago Invisibile - Photo: courtesy of The Walt Disney Italia

Il Drago Invisibile – Photo: courtesy of The Walt Disney Italia

L’opera è il remake dell’omonima pellicola del 1977, basata sul racconto breve scritto da S. S. Field e Seton I. Miller, ed è caratterizzata da una narrazione veloce, tipica delle avventure epiche, slegate da un luogo e un periodo preciso. Il suo cast sembra nato per vestire quei panni. Robert Redford, qui un anziano che affascina i bimbi del paese con leggende di draghi, ci ricorda nostro nonno quando ci regalava aneddoti di un passato remoto riuscendo a conferire loro un’aura magica, quasi surreale. E il piccolo Oakes Fegley è così convincente da indurci a credere che sia cresciuto come Pete. Un fragoroso applauso se lo merita inoltre chi ha scelto di non dare voce a Eliot ma gli ha donato un manto lucido e morbido. I suoi toni fluo ci rammentano quanto sia irreale, mentre espressioni e gesti ci fanno provare immensa tenerezza. Vorremmo tutti avere condiviso l’infanzia con un drago verde. Sappiamo – ahinoi – non sia accaduto.

IL DRAGO INVISIBILE ci commuove e lascia una sensazione di leggerezza, fa riemergere il fanciullo che abbiamo sepolto nel profondo e ci rammenta che non si deve mai smettere di sognare.

Vissia Menza 

Articolo pubblicato anche su FantasyMagazine.it

Il Drago Invisibile – Trailer Italiano Ufficiale | HD

Ennio Flaiano amava ricordare che “Il cinema è l’unica forma d’arte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile.”, ed è Vissia ad accompagnarci con passione e sensibilità nelle mille sfaccettature di un’arte in movimento. Ma non solo. Una guida tout court, competente e preparata, amante della bellezza, che scrive con il cuore e trasforma le emozioni in parole. Dal cinema alla pittura, con un occhio vigile per il teatro e la letteratura, V. ci costringe, piacevolmente, a correre per ammirare un’ottima pellicola o una mostra imperdibile, uno spettacolo brillante o un buon libro. Lasciarsi trasportare nelle sue recensioni è davvero facile, perdersi una proiezione da lei consigliata dovrebbe essere proibito dal codice penale. Se qualcuno le chiede: ma tu da che parte stai? La sua risposta è una sola: “io sto con Spok, adoro l’Enterprise e sono fan di Star Trek”

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi