Ma se domani... > Cinema > Recensioni > LA FAMIGLIA FANG, due fratelli e un passato ingombrante

LA FAMIGLIA FANG, due fratelli e un passato ingombrante

Recensione del film diretto e interpretato da Jason Bateman con Nicole Kidman e Christopher Walken.

 

Il poster italiano del film La famiglia Fang
Il poster italiano del film La famiglia Fang

Annie e Baxter sono due fratelli oramai adulti e distanti. In comune hanno un passato stravagante e un presente da falliti. Annie è un’attrice sulla via del tramonto, senza mai aver provato l’ebrezza del successo; Baxter è uno scrittore che raggiunto il secondo romanzo ha perso l’ispirazione. Entrambi pagano le conseguenze dell’essere cresciuti all’interno della famiglia Fang. I loro genitori, Caleb e Camille, hanno inscenato per decadi performance difronte a un pubblico involontario, ignaro di essere in procinto d’assistere a mise en scéne talmente dirompenti da turbarlo e mandare in estasi i critici. I Fang sono famosi.

Annie e Baxter hanno contribuito all’inconsueto teatro sin da bambini ma una volta diventati grandi, prendendo in contropiede il mastodontico ego di papà, hanno deciso di spiccare il volo. È così che le loro vite si sono divise, si sono perse e sono scivolate lontano… sino ad oggi. Oggi, un incidente sarà foriero di una riunione familiare dai risvolti inattesi: i due giovani dovranno fare un tuffo nel passato e andare caccia della verità. Una verità che sarà amara, amarissima, e spalancherà la porta all’ansia anche in chi guarda.

Annie 8Nicole Kidman) e Baxtern (Jason Bateman) in La famiglia Fang - Photo: courtesy of Adler Entertainment
Annie (Nicole Kidman) e Baxtern (Jason Bateman) nel film La famiglia Fang – Photo: courtesy of Adler Entertainment

La famiglia Fang è un concentrato d’imperfezioni, in cui ognuno è tanto geniale quanto alla deriva. Tutti s’illudono di avere il controllo della situazione, di fatto nessuno ce l’ha. Tra noi e loro c’è poca differenza. Li sentiamo vicini, riconosciamo scene già viste e provate, temiamo per loro. Impossibile non partecipare all’inquietudine di Annie, quando la storia imbocca un sentiero che non promette nulla di buono; impossibile non condividere la sua ostinazione e frustrazione, ogni qualvolta si scontra con la mentalità dei genitori; e, impossibile non fare nostri la vulnerabilità e l’immobilismo di Baxter.

La famiglia Fang, dopo Bad Words, riporta dietro la macchina da presa Jason Bateman, che qui veste anche i panni del povero Baxter. La sua è una regia delicata, una carezza, che bilancia e alleggerisce il dramma con battute fini ed eleganti. Annie è Nicole Kidman che, complici un insolito caschetto castano, spesso senza mise en plis, e degli occhi espressivi, riesce a farci provare empatia e dimenticare la staticità del resto del volto. Insieme a loro c’è il premio Oscar® Christopher Walken, un attore magnetico, strabordante, che si prende lo schermo nella sua interezza esattamente come farebbe Caleb, e probabilmente fa la fortuna del film.

Caleb (Christopher Walken) e Camille (Maryann Plunket) nel film La famiglia Fang - Photo: courtesy of Adler Entertainment
Caleb (Christopher Walken) e Camille (Maryann Plunket) nel film La famiglia Fang – Photo: courtesy of Adler Entertainment

Un film che è l’adattamento dell’omonimo romanzo scritto da Kevin Wilson, ma riesce a risplendere di luce propria, costruendosi un’identità e ritagliandosi un pubblico di estimatori. I toni mai strillati, la fotografia fané e l’attenzione a dialoghi e sguardi sono seducenti e ci illudono di aver preso parte ad una partita a scacchi con il destino, che sia il nostro o dei Fang poco importa.

Il nuovo lungometraggio di Bateman è una sorpresa che, sin dal debutto a Toronto 2015, ha saputo conquistare la critica. Ora cerca di raggiungere le più intime corde dell’audience nostrano e far innamorare gli animi gentili che incontra sul suo cammino. La famiglia Fang è una di quelle commedie drammatiche che ti spingono ad entrare nel cinema per curiosità e ti fanno uscire emotivamente coinvolto. La resa dei conti dei Fang ci ricorda la nostra.
Sospiriamo.

Vissia Menza 

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi