Ma se domani... > Cinema > Festival > TORONTO 2016: l’incontro con Ellie Kendrick

TORONTO 2016: l’incontro con Ellie Kendrick

La nostra intervista a Ellie Kendrick, l’attrice nota per la sua partecipazione a Il Trono di Spade, al TIFF’16 con l’intenso dramma The Levelling.

 

Ellie Kendrick in The Levelling - Photo courtesy of TIFF
Ellie Kendrick in The Levelling – Photo: courtesy of TIFF

Ellie Kendrick avrà anche una piccola parte ne Il Trono di Spade, dove dà il volto a Meera Reed (la ragazza che accompagna Bran Stark nei suoi viaggi), ma in The Levelling fa emergere tutto il suo talento e dimostra di avere le carte in regola per ottenere futuri ruoli da protagonista. L’abbiamo incontrata nella cornice del 41° Toronto International Film Festival per una chiacchierata dedicata al suo nuovo progetto, che lei stessa ci conferma sentire vicino al suo cuore.

“Sono felice che il pubblico possa vedere questo film, in particolar modo per il tema affrontato. Le inondazioni del Regno Unito che vedete sono vere. Abbiamo girato in quei luoghi esattamente un anno dopo che erano accadute e, a dodici mesi di distanza, la sofferenza era ancora ben visibile sui volti degli abitanti.”

The Levelling narra la storia di una veterinaria, Clover Catto (la Kendrick), che torna nella fattoria in cui è cresciuta dopo aver ricevuto la notizia della morte del fratello, per apparente suicidio. La giovane trova la casa di famiglia in rovina, a causa delle inondazioni che hanno colpito l’area, ed è obbligata a confrontarsi con il difficile rapporto col padre Aubrey. Man mano che si avvicina il giorno del funerale, molte saranno le scoperte e le emozioni che la condurranno alla finale resa dei conti.

“Ci sono state numerose scene impegnative. Quella in cui sparo a un vitello, forte da vedere, anche se non l’ho dovuta interpretare di persona. Quella in cui mi tuffo per salvare un cane, all’inizio ben più lunga, da cui ne sono uscita completamente zuppa e, ad una settimana di distanza, ho scoperto che dovevamo rifarla (!). E, come prevedibile, il confronto finale tra padre e figlia, parecchio coinvolgente sia a livello fisico che emotivo.”

Il sodalizio con la regista Hope Dickson Leach ha dato, quindi, ancora una volta i suoi frutti. La Kendrick e la Leach hanno, infatti, già lavorato insieme, hanno girato un cortometraggio di cui la stessa Kendrick è l’autrice. “Da anni scrivo per il teatro, ma questa è stata una nuova sfida. Spero che i prossimo anni mi riservino tante altre occasioni e avventure. Quando qualcosa mi spaventa, so che devo affrontarlo. È cosi che scelgo i miei ruoli”.

Coloro che speravano in qualche spoiler su Il Trono di Spade, sfortunatamente, non lo otterranno. “Non posso davvero dire nulla, credo di non poter neppure rivelare se sarò presente o meno nella prossima stagione”.

Intervista e testo di Michelle Iwema
Traduzione di Vissia Menza

Related posts