Ma se domani... > Cinema > Interviste > “Un film non è un tribunale”: intervista a Jean-Pierre e Luc Dardenne

“Un film non è un tribunale”: intervista a Jean-Pierre e Luc Dardenne

In occasione dell’uscita del loro nuovo film, La Ragazza senza Nome (La fille inconnue), abbiamo incontrato  i  registi, due volte Palma d’Oro a Cannes, Jean-Pierre e Luc Dardenne. Ci hanno parlato del loro lavoro, della protagonista, ma anche dei valori di solidarietà e dignità, e di come il cinema debba regalare più interrogativi che sentenze, più domande che giudizi.

Il lungometraggio è stato presentato in concorso proprio all’ultimo Festival de Cannes. Con protagonista Adèle Haenel, e nel cast Olivier Bonnaud, Jérémie Renie e Fabrizio Rongione, La Ragazza senza Nome è arrivato nelle sale italiane lo scorso 27 ottobre 2016 grazie a BIM Distribuzione.

La Sinossi ufficiale recita: Jenny, una giovane dottoressa, si sente in colpa per non avere aperto la porta del suo ambulatorio a una ragazza trovata di lì a poco senza vita. Dopo aver appreso dalla polizia che non c’è modo di identificarla, Jenny ha solo un obiettivo: scoprire l’identità della ragazza, così che possa avere un nome sulla tomba.

Con un clic QUI potete leggere la nostra recensione all’epoca del debutto sulla Croisette.

L’intervista milanese a Jean-Pierre e Luc Dardenne è a cura di Luca Zanovello e le riprese video sono di Gioele Amos Viganò. Tra pochi giorni seguirà la seconda parte, tornate a trovarci!

 

ndr. Qualora non visualizzaste i sottotitoli, li trovate nella barra dei comandi vicino al simbolo delle impostazioni

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi