Ma se domani... > Fotografia > FOTOGRAFIA – La bambinaia di Rita Hayworth: cento primavere in uno sguardo

FOTOGRAFIA – La bambinaia di Rita Hayworth: cento primavere in uno sguardo

Un commento a La bambinaia di Rita Hayworth. Ritratti di Katja Snozzi, la mostra in corso al museo Vincenzo Vela di Ligornetto (Svizzera) sino al 5 marzo 2017.

L'ingresso della mostra La bambinaia di Rita Hayworth. Ritratti di Katja Snozzi - Foto di Vissia Menza
L’ingresso della mostra La bambinaia di Rita Hayworth. Ritratti di Katja Snozzi

Mia nonna era una donna magra e piccolina, con due occhi vispi e zigomi pronunciati. Era bella, di una bellezza anticonvenzionale, tipica di altri tempi, quella che contraddistingueva le dive dell’epoca d’Oro di Hollywood. Un tempo che non esiste più. Oggi la mia ava avrebbe avuto un secolo. Ha vissuto a lungo e la luce nei suoi occhi è rimasta sino alla fine la stessa. Nessuna sofferenza o magnifica ruga è riuscita a mitigare quel guizzo nelle sue pupille che gli zigomi contribuivano a rendere ancor  più evidente.

Quando la ricordo, non so perché ma la rivedo sempre avvolta nelle sue pellicce dall’enorme collo, che le incorniciavano il viso e la facevano sembrare ancora più minuta. Lo sfondo è in bianco e nero. I troppi film con Marlene Dietrich, a cui nonna assomigliava, mi avranno influenzata, oppure no. Chi lo sa. Ma quell’aura carica di fascino ed esperienza lontana, che rende tutto puro e importante, e riapre tanti cassetti della memoria, l’ho rivista recentemente al Museo Vincenzo Vela, in occasione della mostra La bambinaia di Rita Hayworth.

Lucrezia Furceri, anni 107 - Foto di Katja Snozzi
Lucrezia Furceri, anni 107, di Chiasso – Fotografia, 2014 © Katja Snozzi

Sino all’inizio di marzo, infatti, il primo piano del museo ospiterà alcuni selezionati ritratti che la fotografa locarnese Katja Snozzi ha scattato a cento modelli con la caratteristica comune di essere centenari. Esatto, sono ben cento e ognuno con almeno cento primavere sulle spalle. Sono persone bellissime e inconsapevoli (forse) di svelarci la mappa di un secolo. Molte appaiono divertite, altre sono stanche, ma tutte portano la storia – la nostra storia – con sé in ogni solco che il tempo ha lasciato sul loro volto. Quanta vita, quante somiglianze e quanti racconti…

I protagonisti delle magnifiche opere della Snozzi non hanno partecipato alla presentazione alla stampa dell’evento ma la loro energia, e gli aneddoti che avrebbero potuto condividere con noi, era nell’aria e ha rapito i presenti. In un percorso intimo e raccolto, complice un allestimento che crea un dialogo ideale tra le arti e le epoche, tra le sculture (di Vincenzo Vela) e le fotografie alle pareti, tra il bianco e il nero, arriviamo alla fine illudendoci di udire le loro voci. Tutto è sospeso e l’atmosfera ha un non-so-che di cinematografico.

La mostra La Bambinaia di Rita Hayworth: i ritratti di Katja Snozzi dialogano con le sculture di Vincenzo Vela - Foto di Vissia Menza
La mostra La Bambinaia di Rita Hayworth: i ritratti di Katja Snozzi dialogano con le sculture di Vincenzo Vela

È la seconda volta che una temporanea di fotografia si tiene all’interno dello spazio museale e oggi il motivo è quanto mai importante. La quarta stagione della vita è un tema attuale, con risvolti pubblici, sociali e politici di notevole portata. La paura rispetto ad essa assume varie forme, sicuramente si teme di subirla prima e di viverla dopo.

Presentare la vecchiaia nel Paese, con rispetto e senza scivolare nel sentimentalismo, comprendendone tutte le aree linguistiche e includendo rappresentanze di persone ancora autonome ed altre ospitate in case di cura, era un laboratorio di studio impossibile da ignorare. Da questo punto di vista La bambinaia di Rita Hayworth è una mostra oltre che poetica e solare, anche sorprendente e soprattutto necessaria.

Nel 2016 ne è nato prima un libro, Jahrhundertmenschen. Anime centenni. Personnages d’un siècle. Fatschas centenaras (Scheidegger & Spiess), nel quale sono racchiusi tutti e cento i ritratti. Poi, a fine novembre, è stata inaugurata l’esposizione di Ligornetto, con trenta di essi in grande formato. Ora, il consiglio è di organizzare una visita alla Villa e, magari, tornare a raccontarci le vostre emozioni.
L’ultimo giorno sarà domenica 5 marzo 2017 e, come di consueto, vi invitiamo prima di partire a consultare il sito ufficiale (un clic qui: www.bundesmuseen.ch/museo_vela) per scoprire le mappe, gli orari di apertura, i biglietti e le ultime news.

Vissia Menza

Augusta Zryd - Foto di Katja Snozzi
Augusta Zryd, anni 105, di Lugano – Fotografia, 2014 © Katja Snozzi

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi