Ma se domani... > Arte > I progetti scenici di Arnaldo Pomodoro al Museo Poldi Pezzoli

I progetti scenici di Arnaldo Pomodoro al Museo Poldi Pezzoli

Arnaldo Pomodoro, una mostra-evento da non perdere fino al 5 febbraio 2017. Parte 2: il Museo Poldi Pezzoli. 

 

Arnaldo Pomodoro: progetti scenici (foto Dario Tettamanzi)
Uno dei progetti scenici in mostra: il modellino della macchina scenica per Semiramide di Gioacchino Rossini Roma, Teatro dell’Opera, 1982 (foto Dario Tettamanzi)
Bozzetti e Teatrini

Tante tragedie e molte commedie. Dalla lirica alla prosa. Da Verdi a Pinter. Da Milano a Roma. Arnaldo Pomodoro amava il teatro e probabilmente, più di una volta, ha reso memorabile anche rappresentazioni che avete visto e amato. Alcuni bozzetti e sedici modellini dei suoi lavori, realizzati tra il 1982 e il 2009, sono esposti, nel contesto della mostra antologica in corso ancora per qualche giorno a Milano, al Museo Poldi Pezzoli. Entrare nella Sala del Collezionista, trovarsi difronte a progetti scenici così accurati, variopinti e dettagliati, è uno spettacolo che toglie il respiro per la seconda volta in una giornata (qualora arrivaste dalla Sala delle Cariatidi).

I magnifici e minuziosi studi, i minuscoli figurini per i costumi, gli spazi creati stupiscono per il fatto di andare oltre la scena stessa, oltre le regole e regalarci un sogno ancora e ancora. I teatrini sono autentiche opere d’arte e il fatto che siano esposti all’interno di nicchie illuminate a dovere rende la visita ancora più magica e preziosa. Pomodoro non dimentica nulla, nonostante le ridottissime dimensioni, strabilia per l’attenzione al particolare. Ci sono pure piccole luci colorate! E tra i presenti s’innesca una giocosa gara: riuscire a risalire all’opera, e al luogo in cui è andata in scena, senza leggere le didascalie. Torniamo tutti bambini.

Arnaldo Pomodoro: progetti scenici (foto Dario Tettamanzi)
Uno dei progetti scenici in mostra: il modellino della scena iniziale per Teneke di Fabio Vacchi Milano, Teatro alla Scala, 2007 (foto Dario Tettamanzi)
Sala d’Armi

Il museo ha inoltre un legame particolare con l’artista. Nel 1998-2000 era stato affidato proprio a Pomodoro il rifacimento della Sala d’Armi al piano terra. Le nicchie, le teche e il soffitto che potete oggi vedere, sono frutto dell’unione della tecnica e della fantasia dell’autore. La volta ora ospita  “una battaglia nella storia umana” e le armi – nel muro – paiono essere in mano a grandi guerrieri, come ci conferma lo stesso libretto che ci guida attraverso gli ambienti.

Stanti i pochi passi da percorrere per raggiungere il Poldi Pezzoli da Palazzo Reale (di cui abbiamo parlato pochi giorni fa – un clic QUI per leggere l’articolo), il nostro consiglio è di ritagliarvi un’oretta e attraversare piazza Duomo per non perdere questo ulteriore tassello dell’antologica che Milano ha dedicato ad Arnaldo Pomodoro, in chiusura tra pochissimi giorni (domenica 5 febbraio).

Sii chiude qui la seconda tappa del nostro tour. Vi preannunciamo che il nostro omaggio all’artista proseguirà. Tanti pezzi continueranno, infatti, ad essere molto vicino a noi. Per info, mappe, orari e biglietti i siti da consultare sono:
http://mostraapmilano.fondazionearnaldopomodoro.it e www.museopoldipezzoli.it

Vissia Menza

Arnaldo Pomodoro: progetti scenici (foto Dario Tettamanzi)
Uno dei progetti scenici in mostra: il modellino della scena per La tempesta di William Shakespeare Palermo, Cantieri Culturali della Zisa, 1998 (foto Dario Tettamanzi)

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi