Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Recensione film: “Skyline”

Recensione film: “Skyline”

 

Ero in preda ad una vera e propria crisi di astinenza da fanta-film con effetti speciali e magari (a voler essere proprio esigenti) una battaglia qua e la quindi, complice qualche capriccio, sono stata accontentata in extremis (il film è presente in una sola sala milanese). SKYLINE, pellicola diretta dai fratelli Strause che ho sentito dire sia stata impietosamente stroncata in patria, mentre da noi alcuni abbiano cercato di salvarla. Bene, potete annoverarmi tra questi ultimi ed ecco il perché.

Premessa: è la storia di un gruppo di amici che si ritrovano a Los Angeles per il compleanno del padrone di casa. Durante la notte vengono svegliati da un violento tremore unito ad una accecante luce blu in grado di attrarre a se chiunque la guardi. Cielo zeppo di dischi volanti che dalla mattina successiva iniziano a passare l’aspirapolvere sul nostro pianeta e… via, con la battaglia per la sopravvivenza! Devastazione, battaglie in cielo, in terra e terra-aria. Possibilità di salvezza? Assai poca… gli avventori sono molto molto poco socievoli, con rabbia montante e decisamente coscienti della propria superiorità.

1° critica: effetti banali, un copia/incolla, un dejà-vu
Ehi fermi tutti, sapete chi sono i registi? Il nome potrebbe infatti non suonarvi familiare, ma sono due persone che di effetti speciali ne hanno sulle spalle sin dall’epoca degli X-Files, e prima di approdare alla regia (con il recente Alien vs Predator) hanno curato la supervisione di pressoché la maggior parte dei film che nell’ultima decade abbiano adottato anche UN solo irreal-effetto (300, Terminator Salvation e chi più ne ha più ne metta). Quindi non c’è da stupirsi se le astronavi aliene, gli alieni stessi ed i fasci di luce fossero di una precisione superlativa e, perché no, a tratti ricordassero appunto qualche “alien”. Quindi non si può eccepire alcunché sugli effetti. Troppo banali? C’era da aspettarselo, oramai il concetto di standard è stato abolito, ogni film per salvarsi deve essere sul podio del concorso “strabiliami” altrimenti la bocciatura sarà sicura. Io invece apprezzo la precisione, l’alto livello, l’attenzione al particolare nell’uso di uno standard che hanno contribuito a creare.


2° critica: storia non verosimile con finale senza senso

Uahahahha, è un fanta-film catastrofico, chi se ne frega dell’immedesimazione e della verosimiglianza. Voi per caso avete fatto esperienze tali da avere valido termine di paragone? Se si per favore condividete : - ) io nel mentre non vi rovino il finale e mi soffermo sul fatto che trovo non di poco conto il fatto che fosse assimilabile ad una pièce teatrale: tutto si svolge infatti all’interno di un (seppur ampio) soggiorno e con la medesima prospettiva: persone dai due lati del banco cucina con la portafinestra sempre nello stesso punto. Per nulla facile! Soprattutto se si tiene conto che il budget del film era veramente ridicolo rispetto agli standard Hollywoodiani e gli attori arrivano tutti dalle serie TV (i due protagonisti maschili direttamente da SCRUBS e 24).
E qui mi aggancio all’ultima critica.


3° critica: gli attori con recitazione da serie TV

Ah si appunto, oggi se non sei un enfant prodige e se alla prima apparizione su grande schermo non porti a casa un premio, sei un fallito. Mi sovviene or ora alla memoria che la stimata attrice Robin Wright (solo per fare un esempio) arriva da “Santa Barbara”, la soap opera!

Quindi, dato che le premesse ci sono, diamo a tutti il tempo di crescere e nel mentre godiamoci il film per quello che è: pellicola di buona fantascienza con finale aperto ed improbabile, perfetto per trascorrere un paio di ore di evasione : - )

Related posts

Comment(1)

  • Dicevano di noi...
    01/29/2011 at 12:36

    # 1
    Qualcuno mi critica per il fatto di non commentare (e leggere) le recensioni…Ecco rimediamo, ma ricomincerò a non leggerle, avendo dalla mia un’ottima motivazione: le recensioni, anche se non ci sono spolier, ovviamnete, mi condizionano. Sempre! Se sono positive, mi aspetto molto, o forse troppo. Se son negative, o non guardo il film, o lo guardo senza passione. Capito, V.??Però confesso che in questa mi hai spiazzato: esordio con un “cerchiamo di salvarla” e poi mi spari tre critiche killer!!Sei sempre la più grande! Controlla il mio wall su fb, a tal proposito….
    Di Mks77 (inviato il 29/01/2011 @ 12:36:40)

    # 2
    Brava V., da appassionato di fantascienza cinematografica, concordo su tutto. E’ un’altra versione di Cloverfield: stesso meccanismo narrativo, stessa situazione… magari ne facessero altri di film a basso budget così ben fatti!
    Di osky (inviato il 29/01/2011 @ 18:41:09)

    # 3
    Ragazzi, volete farmi arrossire??? 🙂
    Di V. (inviato il 29/01/2011 @ 21:23:39)

    # 4
    Confesso pubblicamente, il mio giudizio è partigigano, ma sfido a confutarlo: V. é veramente brava e decisamente professionale!Quindi pienamente d’accordo con osky e mks77
    Di CBin CR (inviato il 30/01/2011 @ 14:35:07)

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi