Ma se domani... > Cinema > Festival > Un samurai senza spada in Piazza Grande!

Un samurai senza spada in Piazza Grande!

Prima di passare in rassegna altri film in concorso e vincitori dei Pardi, raccontiamo l’anteprima di un film atteso e decisamente differente dagli altri, appartenente alla serie cappa e spada, tornata in auge con opere quali la Foresta dei Pugnali volanti, Hero e Seven Swords (solo per citarne alcune), in arrivo direttamente dal paese del Sol Levante.

Infine possiamo scoprire e seguire le gesta del samurai senza spada!

Eh già, la particolarità di questo film è proprio il fatto che il nostro eroe porta alla cintola solo il fodero dell’arma che ha gettato via e per aver abbandonato spada e il suo padrone egli corre, corre e corre con al seguito la figlioletta. Il tutto ovviamente in costume (come vuole la tradizione) e con losche figure che gli danno la caccia. Kanjuro Nomi non è infatti un comune ricercato, ma sulla sua testa pende una particolare condanna: quella della c.d. “impresa dei trenta giorni” che prevede egli abbia un mese di tempo, e un solo tentativo giornaliero, per cercare di far tornare il sorriso sul volto inconsolabile del principino. Primi tentativi goffi e rozzi seguiti da un crescendo di performance degne dei migliori artisti circensi, tutto con il supporto della fantasiosa figlioletta e delle due guardie che si appassionano al caso ed alla tenacia di Kanjuro.

Storia che di fatto ruota attorno all’evoluzione del rapporto padre-figlia: inizialmente inesistente e di contrapposizione (soprattutto della piccola nei confronti della codardia del padre), poi di orgoglio, sofferenza e sacrificio ed il cui finale è tutto da scoprire.

(c) Festival del Film Locarno 2011

Notevole l’espressività e la bravura della giovanissima attrice Sea Kumad, che emerge rispetto al resto del ben più adulto cast; regia invece affidata a Hitoshi Matsumoto, già noto ai frequentatori dei grandi festival proprio per l’originalità con cui narra efficacemente i drammi umani e vero e proprio innovatore della commedia. Così me lo spaccia la sua biografia e pare confermarmi il pubblico presente in sala: per la prima volta, una proiezioni è stata accompagnata da un brusio di sottofondo fatto di risate (più o meno fragorose) , canti e commenti. E poi c’era un soggetto che – celato dall’oscurità che avvolgeva la sala – russava bellamente e la sottoscritta, perennemente infreddolita e per l’ennesima volta perplessa.

A me il film non ha fatto ridere, anzi ho trovato certi personaggi quasi insopportabili, la presunzione e lucidità della bambina addirittura fuori luogo (troppo giovane per articolare pensieri così chiari e profondi) e la storia, nel suo complesso, troppo distante dai miei gusti. E’ stato un interessante confronto con una cultura che incuriosisce sempre di più noi occidentali e che per ora rimane distante dalla mia, nonostante trovi che il cinema di Hong Kong e le recenti produzioni cinesi siano un vero spettacolo e sono orgogliosa di avere molti dei film cappa e spada in mandarino che troneggiano sulle scaffalature di casa. Nessun preconcetto quindi solo la presa d’atto di non essermi per nulla divertita e che la cinematografia giapponese non mi entusiasma.

Opera curiosa, diversa dal solito,  ma decisamente da “maneggiare con cura” 

(c) Festival del Film Locarno 2011

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi