Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Before Midnight il film di Richard Linklater come l’abbiamo visto a Berlino

Before Midnight il film di Richard Linklater come l’abbiamo visto a Berlino

Vera sorpresa è la pellicola di Richard Linklater vista a Berlino un mese fa, che merita qualche riga di approfondimento. Continuazione di una storia che seguiamo da quasi due decadi, “Before Midnight” è, infatti, un film che sorprende per come riesca a sopravvivere al sentiero impervio che ha deciso di imboccare. Perché, siamo onesti, puntare una telecamera su due attori (seppur dalle indubbie capacità) e non muoverla più per le seguenti due ore, durante le quali la coppia chiacchiera più o meno amabilmente della quotidianità, è il miglior modo per arrestare la propria carriera e quella dei due malcapitati. Il regista invece, oltre ad una buona dose di coraggio, ha davvero creduto nella sceneggiatura e nell’abilità di tutti di intrattenere il pubblico, e si è lanciato in questo progetto. Che dire, aveva ragione lui!

Richard Linklater's Before Midnight
© Berlinale

“Before Midnight” ha preso in contropiede la maggior parte degli scettici in sala, ci ha rapiti tutti e portati su un’isola greca, prima dentro una fashionissima MiniCooper poi ad un tavolo ed infine in una stanza e, tra un incantevole paesaggio e l’altro, ci ha mostrato la vita, quella che tutti conosciamo, quella quotidianità, appunto, a cui non diamo mai importanza. Una normale coppia in vacanza con i figli, ospite di amici per l’estate, Jesse e Celine, che vive nella Ville Lumiere sino ad oggi quando a Jesse sorge il dubbio sull’opportunità di avvicinarsi al figlio, avuto dalla precedente relazione, che vive a Chicago.

Uno scambio come un altro che insinua quel tarlo che non se ne andrà prima di aver seminato distruzione. D’altro canto, si sa che anche la coppia più solida può mettersi in discussione se si tocca (anche involontariamente) il tasto giusto ed è quello che capita ai nostri personaggi. Ma la pellicola non ruota intorno ad un litigio bensì alle dinamiche d’interazione, si passa dal chiacchiericcio leggero, alle battute, ai ricordi, a suggerimenti pratici sino ad accuse reciproche. Si vede tutta l’evoluzione (o forse sarebbe meglio dire l’involuzione) della discussione che nell’arco di una giornata, dopo diversi tentativi caduti nel nulla, alla prima occasione lascia il posto alla tragedia. Grazie al cielo siamo in Grecia e tutto viene mitigato da un clima e da un ritmo di vita che distende gli animi surriscaldati e permette al buon senso di prendere il sopravvento. Ma sarà davvero così oppure, la discussione sarà solo rinviata alla prossima occasione?

Richard Linklater's Before Midnight
© Berlinale

Non credo che vi sarà un quarto inatteso episodio, sulla scia del successo (speriamo) dell’attuale terzo capitolo, ma senza dubbio impressiona vedere le dinamiche umane così ben rappresentate su grande schermo e questo grazie a due attori (Ethan Hawke e Julie Delpy) che riescono a rendere, con apparente semplicità, la situazione in tutta la sua naturalezza. Disarmante, appassionante, insomma, da non perdere!

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi