Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Cannes 2013 – Fuori Concorso: lo strepitoso film Blood Ties diretto da Guillaume Canet

Cannes 2013 – Fuori Concorso: lo strepitoso film Blood Ties diretto da Guillaume Canet

A Cannes ogni tanto abbiamo visto il sole, sempre accompagnato da un vento simile alla bora triestina ma per lo meno siamo riusciti a provare l’ebrezza di non arrivare zuppi al mezzodì proprio tutti i giorni. In una di queste luminose giornate, abbiamo trascorso quasi due ore all’aperto, chiacchierando di cortometraggi, di altri festival e di opere emozionanti, in attesa di vedere un film che meritava cotanta prova di resistenza: oggi vi segnaliamo “Blood Ties” di Guillaume Canet. Pellicola girata in inglese, ambientata nella Brooklyn degli oramai lontani anni ’70, con un cast semplicemente perfetto.

© Festival de Cannes

Non c’è che dire, l’entusiasmo è stato davvero molto, perché assistere a un’opera di due ore e mezza e non avvertire lo scorrere del tempo significa solo una cosa: che il regista sia stato efficace, accorto e acuto, insomma sia stato b r a v o! E di rischi a questo giro Canet se n’è assunti davvero molti: ha diretto un folto gruppo di attori d’oltre oceano, ha preso un protagonista made in UK (Clive Owen) e l’ha trasformato in un americanissimo teppistello di quartiere, gli ha affiancato una donna francese (Marion Cotillard) rendendola una maîtresse italiana e ha fatto indossare i pantaloni a zampa ad un bel po’ di attori sulla cresta dell’onda, tra cui spiccano Mila Kunis e Zoe Saldana.

© Festival de Cannes

Storia di due fratelli che imboccano strade opposte: Chris (Owen) quella del crimine, quasi per stato di necessità; mentre Frank (Crudup) quella della legge, probabilmente per espiare colpe altrui e, in generale, per sfuggire ai legami di sangue. Frank insegue, infatti, sempre la cosa giusta e pone in primo piano la propria carriera a discapito degli affetti, mentre Chris vive dominato dagli istinti e, nonostante abbia pagato con 12 anni dietro le sbarre il suo impeto, persevera ad usare qualsiasi mezzo (il)lecito pur di proteggere chi ama.

Ma si sa, alla famiglia è difficile sfuggire soprattutto se sono gli anni ‘70 e si cresce a Brooklyn, realtà in cui onore, fratellanza, rispetto e famiglia hanno un valore tale da far emergere incredibili istinti di protezione in persone insospettabili. Motivo per cui ben presto anche Frank dovrà fare i conti con se stesso e comprendere quali siano le priorità, chi amare e … chi proteggere.

© Festival de Cannes

Fulcro della nostra storia è, infatti, quella forza che porta i due fratelli perennemente allo scontro e al riavvicinamento, che mostra tutta la potenza dell’amore e dell’odio (due facce della medesima medaglia), che contrappone continuamente il bene al male, e soprattutto che sottopone a ripetute enormi pressioni le coscienze dei protagonisti (e le abilità dei due interpreti principali). Clive Owen e Billy Crudup, infatti, ci impressionano con le loro espressioni sofferenti e combattute e suscitano l’ammirazione di molti in sala contribuendo non poco alla promozione della pellicola da parte di un variegato pubblico, composto per una volta non solo da membri della stampa.

Questo epico dramma familiare, che riprende un film francese del 2008 “Les Liens du Sang” in cui peraltro il regista vestiva i panni di Frank, potrà contare su un ampio pubblico di estimatori del genere quindi gli auguriamo di arrivare presto nelle sale.

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi