/, Cinema, Recensioni Film/AL CINEMA Il Capitale Umano un film sull’(a)moralità umana

AL CINEMA Il Capitale Umano un film sull’(a)moralità umana

By | 2016-03-01T00:49:27+00:00 gennaio 9, 2014|Anteprima, Cinema, Recensioni Film|

il-capitale-umano_locandina

Un romanzo americano, una storia di provincia, un mondo fatto di agio e opportunità che porta una serie di persone, legate per motivi diversi, a sedersi sugli allori e a credere che tutto sia loro concesso, è il fulcro di una vicenda che Paolo Virzì vuole mostrare nella sua universalità. E, in effetti, complice la globalizzazione e l’informatizzazione, le situazioni sociali, le truffe, le bancarotte, e molto altro, accadono nel medesimo modo ai quattro lati del Pianeta.

Con le migliori intenzioni, e con l’autore del romanzo coinvolto nel progetto, il regista di casa nostra porta l’America nel cuore della Lombardia, nella mecca degli affari italiani, in un luogo che dovrebbe essere immaginario, specchio di molti posti tutti uguali, palcoscenico perfetto in cui possono accadere saghe familiari come quella narrata nel “Capitale Umano”, ma… l’ingranaggio ogni tanto s’inceppa.

il-capitale-umano_bentivoglio-gifuni

Il libro rimane, per ora, un oscuro oggetto del desiderio (in attesa che gli scaffali delle librerie vengano riforniti), il film invece è chiaro: Virzì vuole elevare il nostro cinema e ha tutte le carte per riuscirci. Ha una buona trama, un cast strappato ai migliori teatri della penisola, e un territorio perfetto per fare da sfondo a un noir da nuovo millennio. Ville immerse nel verde, luoghi isolati, nebbie mattutine che svanendo svelano segreti che era meglio rimessero nell’oscurità, ma c’è un non-so-che poco convincente.

Qualcosa mi sfugge e qualcosa dopo la chiacchierata di ieri mi è più chiaro: perché compiere scelte che, agli occhi dei lombardi (e non solo) suonano come stonature facilmente evitabili? Perché imporre ai protagonisti improbabili accenti, ai limiti della caricatura, che oramai non si odono neppure sull’ultimo alpeggio? Perché ricreare una Brianza fittizia utilizzando molti scorci della vicina e pur sempre lombarda (ma non brianzola!) e florida Varese? E, dati i natali americani della storia, a questo punto perché non ambientare la versione nostrana direttamente nella città prealpina?

il-capitale-umano_brunitedeschi-locascio

Tanti i dialoghi forzati (sicuramente la cadenza non ha aiutato), che affievoliscono il pathos, nonostante una suddivisione in capitoli che dovrebbe rafforzarlo e nonostante quel cast ricco di grandi attori italiani (Valeria Golino, Fabrizio Bentivoglio, Fabrizio Gifuni, Luigi Lo Cascio, Bebo Storti e molti altri); e tanti, forse troppi, i generi introdotti a ogni cambio di prospettiva: dopo l’inizio leggero che strappa sorrisi, si passa al dramma, quindi si scivola nel melò e sul finale si toccano punte di grottesco. Il mio dubbio è se fosse un esperimento: effetto voluto oppure l’indecisione ci ha messo lo zampino?

È davvero un peccato, il messaggio poteva essere forte, alcuni passaggi potevano tramutarsi in duri schiaffi a una società che ha talmente oltrepassato il limite del buon senso da scommettere sulla rovina del proprio Paese, luogo in cui portare sul lastrico amici e nemici non provoca più problemi di coscienza, in cui mantenere la parola data è divenuto un nonsenso e in cui le emozioni devono essere utili e funzionali. Personaggi dalla moralità assente, che si muovono in una giungla in cui la scala di valori si è capovolta ma nessuno pare crucciarsene. Insomma, uno scossone mancato. Senza quelle imperfezioni sarebbe stata una opera raffinata e alta, così è un film dignitoso e godibile che però non colpirà quanto basta per passare agli annali.

n.d.r. Cliccando qui potete leggere qualche riga sulla presentazione milanese del film

Ennio Flaiano amava ricordare che “Il cinema è l’unica forma d’arte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile.”, ed è Vissia ad accompagnarci con passione e sensibilità nelle mille sfaccettature di un’arte in movimento. Ma non solo. Una guida tout court, competente e preparata, amante della bellezza, che scrive con il cuore e trasforma le emozioni in parole. Dal cinema alla pittura, con un occhio vigile per il teatro e la letteratura, V. ci costringe, piacevolmente, a correre per ammirare un’ottima pellicola o una mostra imperdibile, uno spettacolo brillante o un buon libro. Lasciarsi trasportare nelle sue recensioni è davvero facile, perdersi una proiezione da lei consigliata dovrebbe essere proibito dal codice penale. Se qualcuno le chiede: ma tu da che parte stai? La sua risposta è una sola: “io sto con Spok, adoro l’Enterprise e sono fan di Star Trek”

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi