Ma se domani... > Cinema > Festival > Cannes 2014 – MEMORIES: da Grace a Uma!

Cannes 2014 – MEMORIES: da Grace a Uma!

Il Palais des Festivals di Cannes © MaSeDomani.com
Il Palais des Festivals di Cannes © MaSeDomani.com

Siamo alle battute finali. Ultime frasi dedicate al 67° Festival di Cannes, edizione contraddistinta da molto chiacchiericcio. Quest’anno il classico gossip su coppie sbocciate o scoppiate à coté del red carpet – che non è mancato (e tra qualche riga ne parleremo) – è stato sovrastato da rumors e polemiche via comunicato stampa o microfoni accesi. Screzi che sono riusciti a relegare in secondo piano la cronaca rosa, ancor prima che si alzasse il sipario.

E anche la kermesse si è aperta all’ombra di un cambio della guardia annunciato, effettivo in un futuro sempre più prossimo, ma piuttosto importante. In questo caso però, dopo qualche dichiarazione piccata, la voglia di far partire la grande macchina del Festival nell’armonia generale deve aver preso il sopravvento. (1)

Il vecchio porto di Cannes  © MaSeDomani.com
Il vecchio porto di Cannes © MaSeDomani.com

Le buone intenzioni non sono state sufficienti. Il film di apertura “Grace of Monaco”, fortemente voluto dal direttore artistico, già dal titolo ha catalizzato l’attenzione tanto delle teste coronate quanto degli affezionati al gossip, ed è riuscito a far parlare (male) di se praticamente da ogni categoria di spettatore. Si narra che lo stesso produttore inizialmente fosse così insoddisfatto da minacciare di non distribuire la pellicola in uno dei più floridi mercati di sogni, quale l’America, se non fosse stata rimontata. (2)

Agli eredi dell’amata Principessa Grace pare sia stato sufficiente un trailer per non vederci più dalla rabbia: i famigliari si sono subito dissociati da un’opera apparsa politica ed inappropriata nel frugare nell’intimità domestica e nell’ipotizzare crisi coniugali. Questo film poco bioptic ha aperto una battaglia a suon d’inviti, repliche, dichiarazioni ufficiali e/o inventate. Nel frattempo, la stampa internazionale si è divisa tra chi l’ha demolita nella sua interezza e chi ha salvato la sua aura fiabesca e la patina dorata adatta (per lo meno) a un pubblico da tubo catodico. (3)

Gérard Depardieu e Jaquline Bisset a Cannes 2014 - Photo: courtesy of BIFF
Gérard Depardieu e Jaquline Bisset a Cannes 2014 – Photo: courtesy of BIFF

Poche ore dopo è stato il turno del grande escluso, di quel “Welcome to New York” del regista Abel Ferrara che in Costa Azzurra alla fine è arrivato, ma solo nelle sale del Marché. Sin dall’inizio, si vociferava che la scelta di una trama ispirata al caso Strauss-Khan, con Gérard Depardieu nei panni dell’ex-direttore del fondo monetario internazionale, sarebbe stata foriera di problemi giudiziari per regista, produttori e chi più ne ha più ne metta.(4) Sta di fatto che la proiezione è terminata tra gli applausi e la polemica non ha più incuriosito soprattutto quando, qualche giorno più tardi, le piattaforme che lo proponevano in streaming (legalmente!) sono state letteralmente prese d’assalto, decretandone il successo. (5)

Con una partenza tanto turbolenta, era gioco forza che in chiusura accadesse qualcosa che scuotesse tutti. Si sperava in una notizia che alleggerisse gli animi, non si poteva prevedere sarebbe stata tanto leggera (quasi impalpabile) quanto un vero maremoto. Cannes è da sempre il palcoscenico perfetto. Dopo eccentriche mise, abiti ridicoli, gaffes a profusione, è arrivato il weekend di gala, e la chiusura e stata tutta per Quentin Tarantino e la sua musa, l’altissima Uma Thurman. Bellissima lei, simpatico lui, insieme sul tappeto rosso sono apparsi dolci e complici. L’affiatamento dei due  amici ha insospettito e ben presto… si è gridato agli amanti!

Uma Thurman a Cannes 2014 - Photo courtesy of BIFF
Uma Thurman a Cannes 2014 – Photo: courtesy of BIFF

Il gossip ha fatto il giro del globo in pochissime ore. I siti di social news e i social network si sono riempiti di foto e commenti. Insomma, tutto il web ha rimbalzato la notizia dei due attori che, oltre a lavorare da vent’anni insieme, sarebbero una coppia, e che paio! Sarà vero? Per ora si parla di troppa complicità, troppi abbracci, troppi sorrisi, troppa sintonia, insomma… non si sa un bel niente. E, siamo onesti, che i due convivessero in una villa da sogno a Cannes, non è sufficiente a confermare la nascita dell’amore dell’anno: anche a noi è capitato di condividere una casa di vacanza con amici d’infanzia, non per questo ci siamo innamorati perdutamente di loro.

Qualunque sia la verità, ringraziamo la coppia per essersi prestata a questo finale giocoso che ci farà ricordare Cannes 67 con un gran sorriso 🙂

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi