/, Cinema, Recensioni Film/[Recensione film] Tutta colpa del Vulcano

[Recensione film] Tutta colpa del Vulcano

By |2014-06-06T09:35:40+00:00giugno 6, 2014|Anteprima, Cinema, Recensioni Film|

tutta-colpa-del-vulcano_poster Prendete un vulcano, fatelo eruttare, velate l’orizzonte con una coltre di fumo e fuliggine, e avrete i voli di mezzo continente costretti a terra. Vi suona familiare? Qualche anno fa, nella cara e vecchia Europa, ci ritrovammo con milioni di passeggeri costretti a spostarsi solo via terra proprio a causa del risveglio di un vulcano islandese, e la cosa non fu per nulla semplice da gestire.

Subito dopo il fatto, stupì un bel po’ che nessun regista/ sceneggiatore utilizzasse l’evento come pretesto di qualche storia dall’ambientazione tutta europea. Ma, da oggi, possiamo dormire sonni tranquilli: il regista francese Alexandre Coffre usa il disastro provocato dal vulcano col nome impronunciabile (Eyjfjallajökull) per costringere una coppia di ex-coniugi a convivere, anzi a sopravvivere (!), dalla Germania alla Grecia nei medesimi abitacoli.

Una scena del film "tutta colpa del Vulcano" - Photo: courtesy of BIM Distribuzione

Una scena del film “Tutta colpa del Vulcano” – Photo: courtesy of BIM Distribuzione

“Tutta colpa del Vulcano” è una commedia francese, è un film che vorrebbe essere un on the road senza esclusione di colpi, è una pellicola volutamente leggera con due ottimi attori che dovrebbero incarnare la tipica coppia scoppiata carica di rancore e rabbia repressa che si ritrova insieme, contro la propria volontà, per il bene della figlia che si sta per sposare in terra ellenica.

Alain e Valerie pur di arrivare in tempo al matrimonio della giovane Cecile sono disposti a rischiare il tutto e per tutto quindi anche a condividere il viaggio, ma il risultato non è dei migliori. I due si fanno i dispetti sin dal primo fortuito incontro sull’aereo, e da li inanellano una serie di scaramucce e ripicche piuttosto prevedibili, poco frizzanti, che -al massimo- inducono un sorrisetto qua e la, ma non regalano una fine di giornata all’insegna delle ristate senza sosta.

Una scena del film "Tutta colpa del Vulcano" - Photo: courtesy of BIM Distribuzione

Una scena del film “Tutta colpa del Vulcano” – Photo: courtesy of BIM Distribuzione

La sceneggiatura deve essere parsa debole non solo ai nostri occhi. La riuscita del film, infatti, è stata riposta nelle abilità dei due attori, Dany Boon (amato anche da noi nelle commedie “Giù al Nord” e nel recente “Supercondriaco”) e Valérie Bonneton (vista ne “L’amore inatteso”), indubbiamente in grado di intrattenere efficacemente le platee. Il punto è che mettere sulle spalle del cast due intere ore di film è stato un azzardo che non ha funzionato sino in fondo.

Probabilmente si voleva fare una versione attualizzata, ed Europea, de “La Guerra dei Roses”, sta di fatto che i poveri Boon e Bonneton sono troppo leggeri e rimangono sempre lontani dal creare un’alchimia simile quella che regnava tra Michael Douglas e Kathleen Turner, e non riescono a far in modo che lo spettatore si riconosca nelle situazioni paradossali, nella voglia di piccole vendette, nel risentimento provato per colui-che-fu il proprio partner.

Nel complesso non è un’opera disastrosa ma “Tutta colpa del Vulcano” appare sottotono rispetto alle altre commedie francesi viste durante l’anno e agli ultimi film di Boon. Ottimo, invece, per il passaggio su piccolo schermo.

Vissia Menza

Ennio Flaiano amava ricordare che “Il cinema è l’unica forma d’arte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile.”, ed è Vissia ad accompagnarci con passione e sensibilità nelle mille sfaccettature di un’arte in movimento. Ma non solo. Una guida tout court, competente e preparata, amante della bellezza, che scrive con il cuore e trasforma le emozioni in parole. Dal cinema alla pittura, con un occhio vigile per il teatro e la letteratura, V. ci costringe, piacevolmente, a correre per ammirare un’ottima pellicola o una mostra imperdibile, uno spettacolo brillante o un buon libro. Lasciarsi trasportare nelle sue recensioni è davvero facile, perdersi una proiezione da lei consigliata dovrebbe essere proibito dal codice penale. Se qualcuno le chiede: ma tu da che parte stai? La sua risposta è una sola: “io sto con Spok, adoro l’Enterprise e sono fan di Star Trek”

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi