Ma se domani... > Cinema > Anteprima > Speciale Locarno 2015: la commedia GUIBORD S’EN VA-T-EN GUERRE

Speciale Locarno 2015: la commedia GUIBORD S’EN VA-T-EN GUERRE

Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Photo: courtesy of Festival del film Locarno

In Piazza Grande ieri sera si parlava francese. La proiezione notturna è stata all’insegna del buon umore grazie alla nuova fatica del regista canadese Philippe Falardeau. Il suo GUIBORD S’EN VA-T-EN GUERRE racconta la storia di un politico e del suo nuovo stagista, del loro viaggio attraverso il Paese nel tentativo di risolvere i problemi direttamente sul territorio, sino al giorno in cui un GRAN problema a livello nazionale (che non vi svelerò) imporrà loro un viaggio inedito.

Quello che vedrete (speriamo tra qualche settimana o mese) è un divertente on the road in cui due uomini, che inizialmente appaiono molto diversi, svilupperanno un legame non solo lavorativo ma anche d’amicizia in cui entrambi impareranno una lezione importante.

Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Photo: courtesy of Festival del film Locarno

Il regista del magnifico “Monsieur Lazhar” torna al Festival per mostrare una nuova istantanea del Québec. Sempre stranieri sono gli occhi dell’osservatore ma questa volta i toni son meno tristi e più ottimistici. GUIBORD S’EN VA-T-EN GUERRE è una commedia dall’inizio alla fine, è un film frizzante che parla col sorriso d’integrità, politica, democrazia, ossia di quei concetti che sono probabilmente ovvi a ogni canadese ma non si può dire altrettanto di chi – per esempio – arrivi da Haiti.

E siccome ogni mamma haitiana spera che il proprio bambino un giorno diventi Presidente, ecco che Souverain si trova, dopo molti tentativi, catapultato nelle terre più a Nord del Québec al fianco di un parlamentare che rappresenta quel territorio isolato e molto particolare, monsieur Guibord. Souverain avrà molto da imparare ma anche tanto da dare.

Photo: courtesy of Festival del film Locarno
Photo: courtesy of Festival del film Locarno

La pellicola scorre e diverte il pubblico. La luce cambia a seconda delle situazioni, il sarcasmo si avverte ma è velato, sottile e gentile. Ogni riferimento è fine e pensato (la scena della fumata bianca è geniale) e gli omaggi che credevamo di esserci sognati, in conferenza stampa, ci vengono invece confermati. Nel complesso GUIBORD S’EN VA-T-EN GUERRE è un lavoro riuscito adatto a tutti, grandi e piccini.

Uguaglianza e amicizia sono i due capisaldi di un’opera in cui si parla un francese diverso dal nostro che ci ricorda quanto lontano siamo dovuti andare per una notte. E peculiare è che sia stato proiettato qui in Svizzera a sole sei ore di anticipo rispetto alla piazza Grande di Montreal.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi