///Film scomparsi e ricomparsi: I ORIGINS di Mike Cahill

Film scomparsi e ricomparsi: I ORIGINS di Mike Cahill

By |2017-12-07T10:42:20+00:00settembre 22, 2015|Cinema, Recensioni Film|

Per la neonata rubrica “Che fine hanno fatto? Dai riflettori dei festival all’oblio” oggi parliamo di I ORIGINS. Un film che decretò il successo del suo regista, sceneggiatore, montatore, Mike Cahill. Il signor Cahill qui si cimenta per la seconda volta dietro la cinepresa dopo i botti fatti con ANOTHER EARTH. Ed era proprio in occasione del suo debutto che l’avevamo incontrato con Brit Marling a Locarno (un click qui). Era il 2011 e quel lungometraggio di esordio lasciò il segno sia sulle sponde del Lago Maggiore sia nello Utah, da dove Cahill rincasò con un premio. Con I ORGINS andò esattamente nello stesso modo e dal Sundance ne uscì trionfante: vinse un altro premio e niente meno che la FOX si aggiudicò i diritti per la distribuzione mondiale. Innegabile fosse nata una stella.

i-origins_poster

Il tempo passa, i frequentatori dei festival ne sentono parlare, in alcuni casi, viaggiando, riescono a vederlo mentre da noi continua a regnare il silenzio. Ne perdiamo le tracce. Ma, a differenza di ZULU, il racconto di oggi è a lieto fine. Arriva settembre 2015 e si diffonde il passaparola che sui canali on demand di SKY vi sia un gran film, diverso, non l’ennesima trama-fotocopia, con una sceneggiatura originale e non “ispirata” al best-seller di turno, che tratta con eleganza un tema intrigante. Signore e signori è arrivato I ORIGINS e, nonostante l’assenza di pubblicità battente, sta facendo una strage di cuori.

La pellicola narra la storia di Ian, un medico, un ricercatore, uno scienziato duro e puro che non accetta nessuna regola che non sia comprovata dai fatti. Il ragazzo è ossessionato dagli occhi, li fotografa, li studia e, quando capita, se ne innamora. Quelli che gli fanno perdere la testa appartengono a una misteriosa ragazza conosciuta ad una festa in maschera. È inutile, i due nonostante le abissali differenze, si accorgono subito di essere in sintonia e iniziano a vivere sull’’onda delle emozioni, sino al giorno in cui l’idillio, tragicamente, si spezza. Sofi muore e Ian si perde ma arriva Karen e lo salva.

© Fox Searchlight

© Fox Searchlight

Se vi state immaginando un polpettone melò siete fuori strada. I ORIGINS è un’opera drammatica con una componente fantascientifica atta a iniettare tensione. Tensione data dalla curiosità di vedere come la trama si evolva e come il protagonista cambi. Per tutta la vita, continuamente, il dubbio dell’esistenza di un legame tra anima e corpo si è fatto sentire e, ogni volta, Ian è rimasto scettico. Il giorno in cui suo figlio, Sofi e un misterioso esperimento si metteranno sulla sua strada, l’uomo si ritroverà ad agire in modo inaspettato e a dover decidere a cosa credere. D’altro canto, voi cosa fareste se domani vi mostrassero che l’anima esiste, che comunica in modo istintivo con il cervello e che si può “trasferire” per mezzo di reincarnazioni da una persona all’altra senza che questa ne abbia coscienza? E se i soggetti coinvolti in un simile delirio fossero i vostri affetti più stretti, cosa sareste disposti a fare pur di (non) credere?

© Fox Searchlight

© Fox Searchlight

La seconda prova di Cahill ha un ritmo che non perde un colpo; è pervasa da una malinconia molto particolare (che in alcuni momenti mi ha ricordato quella di BYZANTIUM); ha una fotografia da far invidia alle grandi produzioni; è sobria nel trattare argomenti in grado di destabilizzare i più; e mostra un’attenzione e una delicatezza che tanti lavori di autori navigati non presentano. È un film bello nell’essere velato dalla tristezza, teso grazie alle continue scoperte, intelligente nell’esposizione e, soprattutto, nell’assenza di proselitismo.

I ORIGINS ammalia, stuzzica e fa sognare ognuno in modo diverso. È da vedere e rivedere. È un’opera che ti entra sottopelle con una semplicità disarmante perché alla fine è una gran dichiarazione d’amore.

Vissia Menza

Ennio Flaiano amava ricordare che “Il cinema è l’unica forma d’arte nella quale le opere si muovono e lo spettatore rimane immobile.”, ed è Vissia ad accompagnarci con passione e sensibilità nelle mille sfaccettature di un’arte in movimento. Ma non solo. Una guida tout court, competente e preparata, amante della bellezza, che scrive con il cuore e trasforma le emozioni in parole. Dal cinema alla pittura, con un occhio vigile per il teatro e la letteratura, V. ci costringe, piacevolmente, a correre per ammirare un’ottima pellicola o una mostra imperdibile, uno spettacolo brillante o un buon libro. Lasciarsi trasportare nelle sue recensioni è davvero facile, perdersi una proiezione da lei consigliata dovrebbe essere proibito dal codice penale. Se qualcuno le chiede: ma tu da che parte stai? La sua risposta è una sola: “io sto con Spok, adoro l’Enterprise e sono fan di Star Trek”

Shares

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi