Ma se domani... > Cinema > Recensioni Film > NEMICHE PER LA PELLE, la strana coppia Gerini-Buy

NEMICHE PER LA PELLE, la strana coppia Gerini-Buy

Nemiche_per_la_Pelle_Poster

A distanza di sei anni dal film drammatico La Donna della Mia Vita con Alessandro Gassman e Luca Argentero, Luca Lucini torna sul grande schermo per dirigere un’altra coppia, questa volta tutta al femminile, nella nuova commedia Nemiche per la Pelle. Quando Margherita Buy incontra Claudia Gerini lo scontro è inevitabile e il risultato un concentrato di situazioni comiche e elettrizzanti che innescano uno gioco di ruoli basato sulla comune e, reciproca, convivenza. Cambiando registro, contesto e rappresentazione, il registra si allontana dalle precedenti esperienze cinematografiche per costruire una pellicola divertente e leggera in grado di conquistare il pubblico grazie alla presenza di due poliedriche artiste del cinema italiano, conosciute ed apprezzate anche oltre i confini tricolori.

Lucia (Buy) è una psicologa per animali, convinta che la loro esistenza sia fondamentale per generare un ponte extra-sensoriale fra il mondo dei vivi e quello dei morti. Fabiola (Gerini) è una spietata donna d’affari, una manager rampante a capo di una prestigiosa agenzia immobiliare disposta a sacrificare tutto e tutti pur di arricchirsi, complice un carattere tenace e irremovibile.

Photo: courtesy of Good Films
Photo: courtesy of Good Films

Nemiche giurate e completamente agli antipodi, le due donne si trovano a condividere un’incredibile eredità e una sorprendente verità: il piccolo Paolino, figlio dell’ex marito di Lucia e attuale partner di Fabiola nato da una relazione extraconiugale, del quale le donne ignoravano l’esistenza. Per evitare uno scandalo in paese, la ‘strana’ coppia, che da sempre si odia, inizialmente rifiuta l’affidamento ma l’avvocato d’ufficio fa presente che non vi è modo di opporsi. Riluttanti accettano l’incarico non volendo però rinunciare al proprio lavoro e ai rispettivi impegni e dimostrandosi entrambe egoiste nei confronti del bambino. Ma a poco a poco iniziano ad affezionarsi, e nel momento in cui irrompe nella loro vita un’assistente sociale per la tutela dei minori, dovranno dimostrare di avere le carte in regola per poter crescere Paolino in un ambiente sereno e tranquillo.

Sostenuto da un ritmo dinamico e deciso, Nemiche Per la Pelle fa leva sulle brillanti interpretazioni di Claudia Gerini e Margherita Buy, attrici di grande esperienza e mestiere capaci con il proprio talento di adattare il loro stile e la forma recitativa (a seconda delle esigenze di copione) per veicolare la narrazione lungo i binari di una parabola tragicomica e sentimentale. Tra dialoghi elettrici e mai volgari e battute ciniche al limite del politically corret, Lucini lascia libero spazio alle improvvisazioni estemporanee e alla versatilità delle protagoniste che si muovono con disinvoltura all’interno della storia e dei suoi sviluppi. Accanto al duo principale troviamo anche GianPaolo Morelli (L’uomo perfetto) e Paolo Calabresi (Il pranzo della Domenica) che compaiono in ruoli di contorno nell’arco della vicenda. Nonostante una sceneggiatura poco efficace ed incisiva, oltremodo ancorata ai classici stereotipi dell’Italia di oggi che risultano ormai il riflesso sterile e manierato del nostro spaccato sociale, il lungometraggio punta con vigore sull’approccio ironico e i comportamenti buffi e impacciati dei personaggi per creare un legame empatico, coinvolgente e diretto con lo spettatore.

Andrea Rurali & Alberto Vella
Recensione pubblicata anche su CineAvatar.it

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi