Recensione di The Ballad of Buster Scruggs di Joel & Ethan Coen, uno dei favoriti di Venezia 75, dal 16 novembre disponibile su Netflix.

Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile… Lo diceva Sergio Leone e da oggi possono dirlo anche i Coen, a modo loro però! Da quasi trent’anni grandi registi, sceneggiatori e produttori delle loro stesse opere, i fratelli Coen sono ormai perfettamente in grado di spaziare fra infiniti generi cinematografici mantenendo una loro forte impronta autoriale. E questo si vede benissimo, come già nel Grinta, anche nel loro ultimo film, The Ballad of Buster Scruggs, un racconto western in sei parti che non teme derive grottesche e conturbanti. Soprattutto non teme fucili e pistole! Tra banditi, sceicchi e indiani si può proprio dire che quello sanguinario è il vero fil rouge – in tutti i sensi – dell’intera vicenda.

The Ballad of Buster Scruggs film still

Una scena del film The Ballad of Buster Scruggs del fratelli Coen – Photo: courtesy of Biennale Cinema/ Netflix

Divisa in 6 episodi, come da accordi Netflix, essa si fa lustro di alcuni fra i più grandi nomi dell’industria cinematografica statunitense: James Franco, Liam Neeson, Zoe Kazan, Tyne Daly, Tom Waits Una menzione speciale a Tim Blake Nelson, il primo (e il migliore) a vestire gli speroni da vecchio cowboy. Nei panni del gioviale ma sfrontato Buster Scruggs – per gli amici “usignolo di San Saba” – Nelson inaugura quella che sarà poi una lunga parabola discendente di ben 132 minuti. E discendente da più punti di vista: perchè la struttura narrativa lentamente si sfibra, le battute si fanno meno sagaci, i toni si incupiscono. Da un’incipitale commedia musical si finisce sui toni della commedia nera. Ma sempre con una fotografia e una scenografia curatissime e originali.

Proprio come originale (e audace) è stata la scelta di rifarsi a un genere ormai in disuso, quello della raccolta antologica, alla Boccaccio ’70. E ancora più audace la scelta di Barbera, direttore artistico della Mostra, di accoglierlo tra le fila di altre due distribuzioni Netflix: 22 July di Paul Greengrass previsto per il 10 ottobre e Roma di Alfonso Cuarón prevista per il 14 dicembre. In mezzo The Ballad of Buster Scruggs, dal 16 novembre al cin…ehm no, sui vostri pc!

Alessandra Del Forno

 

n.d.r. Come da tradizione di MaSeDomani, potete leggere tutti i nostri articoli su Venezia 75 con un semplice clic qui
Condividi
  • 21
    Shares
  • 21
    Shares