Ma se domani... > Libri > Recensioni > Recensione romanzo Invictus di Simone Sarasso

Recensione romanzo Invictus di Simone Sarasso

Invictus di simone sarasso

Che Simone Sarasso sia una scrittore di Storia è ormai dato acquisito. Ma che, puntata la macchina del tempo fino al terzo secolo dopo Cristo, dalla sua penna potesse sgorgare un romanzo che ha la stessa capacità di quelli di ambientazione più moderna di bloccarti inesorabilmente fra le pagine, intento esclusivamente a lasciarti cullare dalla narrazione, beh, non era così scontato.

L’operazione narrativa riesce invece alla perfezione. Complici le vicende di un uomo che hanno certamente insite drammaticità, tensione e passioni, ancora una volta Sarasso ci inchioda in una trama che non lascia spazio per alcuna distrazione. Echeggiano, durante la lettura, i rumori dei gladi battuti sugli scudi; si avverte netto il tanfo del campo di battaglia, a volte sostituito dall’odore – ancora più stomachevole – di una Città Eterna sull’orlo del baratro e dell’oblio eppure coperta di pesanti profumi, una sorta di deodorante che prova a coprire l’odore del sudore. E, soprattutto, ci si lascia affascinare dalla storia di uno che, come maliziosamente ricorda lo stesso autore, in fondo è “figlio di genitori separati”.

“Invictus” è un romanzo di formazione come non ce ne sono capitati da tempo sotto gli occhi. E’ la storia di un ragazzo nato bastardo, figlio di un prefetto e di una …uhm… diciamo locandiera di cui il nobile si era innamorato al punto da voler dedicare al frutto di quell’amore un’educazione di corte e di campi di battaglia, preparandolo a diventare l’Imperatore che sarà. Ed è la storia di tanti abbandoni, di quelli che fanno crescere ingoiando lacrime amare, nel solco di un percorso che sai ti porterà lontano, ma in cui non riesci a non intravedere osceni lazzi del destino.

Ed in questa trama che è naturalmente imbevuta di storia romana, Saranno non sconta niente: Costantino cresce e uccide, nelle occasioni di maggior pericolo si tramuta quasi in una sorta di controfigura rabbiosa che lo possiede e gli toglie la ragione, così simile a quella di uno dei protagonista della trilogia – non ancora completata, e aspettiamo il terzo! – dedicata alle vicende più recenti della nostra storia nazionale. Ma di Costantino cogliamo anche tratti quasi commuoventi, valori a cui ancora oggi vorremmo appoggiarci e una umanità di base che lo rende personaggio a tutto tondo, da scoprire in ogni sua sfaccettatura.

Pensato con una scrittura cinematografica che non tradisce il talento di uno che ha collaborato a J.A.S.T, prima serie TV  – letta e riletta negli ultimi mesi –  su carta stampata, “Invictus” gode del respiro del romanzo storico e dei toni del thriller, e – cosa non irrilevante – mette addosso una gran voglia di saperne di più, desiderio che i testi consigliati in fondo al volume consentono di soddisfare.

E per finire, ve lo portate a casa in edizione cartonata a meno di dieci euro. Banconota davvero ben spesa, ve lo assicuro.

Invictus di Simone Sarasso è su Amazon.it

Related posts

Comment(2)

  • cerularia
    07/13/2012 at 20:34

    sono una lettrice di romanzi storici. questo l’ho appena finito, ed è uno dei peggiori mai letti. pare impossibile che l’autore scriva per mestiera. usa un italiano sgraziato, privo di eleganza, zeppo di metafore, paragoni e zeugmi che risultano fastidiosissimi già alla fine del primo capitolo. ho tenuto duro perchè volevo vedere come portava avanti la storia, che peraltro già conoscevo da autori del passato. un disastro: un racconto piatto, privo di pathos, in cui la figura di costantino non riesce ad emergere dalle pagine ed a balzare viva davanti al lettore…..così come dovrebbe. anche la tragedia di fausta e crispo è narrata da schifo. e per finire: l’edizione è così scadente che la cartaccia si sbriciola nelle mani! che delusione.

  • marcus
    09/19/2012 at 11:35

    Un bravo scrittore dovrebbe sapere affascinare i suoi lettori con l’abilità nell’intessere la trama e la capacità di evocare immagini, nonchè se si tratta di romanza storico il rigore delle fonti. Nel libro di Sarasso emerge fascinazione per i fatti i bellici, le armi e la lotta che indubbiamente catturano il lettore.
    Peccato rovini tutto con trivialità di ogni tipo e immagini amene che starebbero bene in un pornoromanzo

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi