Ma se domani... > Cinema > Recensioni > Captain America: CIVIL WAR, vecchie ferite e nuove battaglie

Captain America: CIVIL WAR, vecchie ferite e nuove battaglie

il poster di CIVIL WAR

Avreste mai immaginato una guerra tra supereroi? Se non siete appassionati di strisce a fumetti, probabilmente no. Invece, nell’ultimo anno, sembra che il vento stia girando. Sin dall’ultimo capitolo degli Avengers avevamo avvertito della competitività tra Iron Man e Captain America ma, in nome della squadra e per il bene del mondo, erano rimasti fianco a fianco soprassedendo sulle divergenze personali. Prima o poi, però, il punto di rottura doveva arrivare e oggi avrà il volto di una vecchia conoscenza: il Soldato di Inverno. Sarà lui a imporre una presa di posizione netta non solo ai due carismatici eroi ma, soprattutto, agli altri del gruppo.

Sono tornati da poche ore su grande schermo, per la gioia degli afficionados, i fantastici protagonisti del mondo Marvel. Thor e Hulk sono lontano ma il resto della compagnia non manca all’appello e dovrà affrontare le conseguenze delle proprie azioni durante lo scontro con Ultron. Li avevamo, infatti, lasciati a lottare compatti contro un nemico apparentemente invincibile, che ha provocato distruzione e molti morti, e adesso, tornata la pace, non tutti sono soddisfatti della scia di dolore e macerie che si sono lasciati alle spalle. Come la gente comune deve pagare per i propri errori cosi anche i ragazzi speciali, che abbiamo imparato ad amare, dovranno piegarsi a nuove regole per non trasformarsi in fuorilegge. Il Soldato di Inverno farà il resto.

Foto: courtesy of MARVEL
Chris Evans e Robert Downey jr. in una scena di Captain America: CIVIL WAR © MARVEL

Quella che vedrete in Captain America: CIVIL WAR sarà una guerra tra “fratelli” per rivendicare il diritto di autodeterminazione; affermare il principio per cui i danni collaterali sono inevitabili quando è in gioco il bene di molti; e per perdonare chi ha errato, in nome dell’intangibile seconda chance dovuta a chiunque cada e s’impegni a cambiare rotta. Ma, sarà anche una guerra in nome dell’uguaglianza davanti alla legge; della sottomissione alle regole in segno di rispetto verso la società che ti ospita; dei gesti di umiltà e di non-invincibilità, oltre ad una buona dose di ego feriti. Sono temi importanti quelli di questa Guerra Civile e mai come in questo periodo sono di estrema attualità. Alla fine rimarrete col fiato sospeso in attesa di scoprire chi avrà la meglio (Iron Man o Captain America?) e se sia ancora logico innescare una battaglia in nome di un ideale.

Difficile rispondere al quesito senza calarsi in una vicenda con implicazioni che coinvolgono la fratellanza, la fedeltà, le legittime aspettative e le libertà fondamentali. Tutti concetti cari a coloro che vivono nella moderna società minacciata di continuo da una precarietà contagiosa. Nonostante gli argomenti di facile immedesimazione, e con non poche implicazioni socio-politiche, l’ultimo nato in casa Marvel è tutto fuorché un pesante e soporifero cinecomic. Captain America: CIVIL WAR è la diretta prosecuzione sia di Avengers Age of Ultron sia di Captain America: The Winter Soldier. È una sorta di trait d’union tra i due film, che ci regala una valanga di scene tanto adrenaliniche quanto divertenti, popolate da vecchi e nuovi volti – oltre a Vedova Nera e Occhio di Falco faranno un ingresso a dir poco trionfale Ant-Man e un giovanissimo Spiderman. Tanti saranno quindi i protagonisti e tante saranno necessariamente le sorprese.

Una scena di Captain America: CIVIL WAR - Foto: MARVEL
Una scena di Captain America: CIVIL WAR © MARVEL

Diretto dal duo Anthony e Joe Russo, CIVIL WAR riesce a mantenere uno stupefacente equilibrio tra realtà e finzione, tra umanità, introspezione, azione e risate, dando vita al capitolo più convincente, avvincente e sorprendente della saga del mondo MARVEL.

Come era capitato in passato, Steve Rogers (Chris Evans) è sempre più eroico, solido, e leader mentre Tony Stark (Robert Downey Jr.) indossa sempre meno l’armatura a favore del suo lato sensibile, vulnerabile e imperfetto. Gli equilibri cambiano e l’attesa sale. Il risultato è un’avventura senza fine, con radici lontane, che appaga i nostri sensi e ci porta a schierarci nelle file di coloro a cui questo lungometraggio è apparso come il migliore della serie.

Captain America: CIVIL WAR è un’esplosiva e straordinaria pellicola in grado di far trepidare chiunque, uomini, donne, appassionati di fumetti e curiosi. Non credete alle voci di corridoio: se non avete visto gli episodi precedenti, lo spettacolo sarà comunque favoloso.

Vissia Menza

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi