Ma se domani... > Cinema > Recensioni > MAN IN THE DARK: non si ruba a casa di Rambo

MAN IN THE DARK: non si ruba a casa di Rambo

Recensione del film horror Man in the Dark di Fede Alvarez (e in coda un commento al DVD).

 

Il poster italiano del film Man in the Dark
Il poster italiano del film Man in the Dark

Alex (Dylan Minnette, Piccoli Brividi), Rocky (Jane Levy, Evil Dead) e Money (Daniel Zovatto, It Follows) formano una banda di ladruncoli di bassa lega, abituati a piccoli furti nelle abitazioni della sopita suburbia americana.
Sono tre ragazzi sbandati per necessità, con il sogno periferico di mollare gli aridi quartieri natii, cambiare vita, “lavoro” e andare a godersi le spiagge della California.

Ecco perché quando arriva una soffiata per il colpo più grande e – apparentemente – agevole della loro vita, non possono proprio dire di no: del resto, cosa potrebbe mai andare storto nella rapina a un “vecchio” cieco (Stephen Lang, Avatar), reduce di guerra, che vive da solo con un’enorme somma di denaro esentasse?
Le apparenze però ingannano, il tonicissimo inquilino dimostra di non essere uno sprovveduto, le luci si spengono e la situazione precipita: la home invasion secondo Fede Alvarez (suo il remake del mitologico La Casa, anno 2013) è un safari casalingo in cui la preda è inca**ata e armata fino ai denti, e il reato di eccesso di legittima difesa viene mandato per direttissima a quel paese.

Sì, la storia dei criminali che cascano nella dimora sbagliata è roba abusata nel filone (più) thriller (che) horror: senza scomodare il leggendario L’Ultima Casa a Sinistra (Wes Craven, 1972), è solo dell’anno scorso il divertente Shut In (noto anche come Invaders, per la regia di Adam Schindler), dove un’agorafobica fa passare un brutto quarto d’ora a una banda di ladri, ancor più recente l’ottimo Hush – Il Terrore Del Silenzio di Mike Flanagan, dove una scrittrice sordomuta si batteva con unghie e denti tra le mura di casa contro un killer mascherato.

Va però sottolineato che Alvarez non è esattamente l’ultimo arrivato: la maturità del 38enne regista uruguaiano, dimostrata nel non soccombere al cospetto di una sacra reliquia come Evil Dead e meritevole della rinnovata fiducia della Ghost House Pictures di Sam Raimi, ritorna infatti con prepotenza nel minimale racconto di Man in the Dark.
Che non sarà un film di paura rivoluzionario, ma nemmeno trascurabile, che trae il massimo da un budget risicato e trasforma l’oscurità dei meandri di una casa come tante in una fucina di claustrofobia e suspense. L’abitazione del vecchio veterano si rivela, infatti, un incubo labirintico di fughe, scoperte allucinanti e angusti nascondigli, esplorati con efficacia e creatività dai movimenti di macchina di Alvarez.

Il titolo originale del film, un “Don’t Breathe” molto più ficcante, ha un duplice richiamo: il gioco del silenzio, i passi felpati, gli sgattaiolamenti per evitare gli agguati dell’imprevisto predatore, ma anche l’inaspettata apnea in cui il film ci trascina inesorabilmente. Una paura realistica ma non troppo seriosa, orchestrata e studiata in modo minuzioso nonostante la singola location e pochissimi interpreti.

Nella squadra di Man in the Dark, il fuoriclasse è proprio Lang: fisicità e mimica impressionanti al servizio di un personaggio instant-cult, un guerriero non vedente, perverso, violento che parla poco (solo 13 battute) e che non muore mai. Come un Rambo nato dalla macchina da scrivere di Carpenter, insomma. In seconda fila se la cavano bene anche Minnette, ventenne in ascesa, e la Levy, già con Alvarez ne La Casa.
Quando nell’atto finale le carte del mazzo sembrano finite e l’ossigeno narrativo scarseggia, il regista si smarca con disinvoltura grazie a qualche trovata crudele e grottesca e dettagli (il cieco abita in Buena Vista Street!) all’insegna di quel black humour tanto caro al suo padrino Raimi. E a noi.

Luca Zanovello

Aggiornamento del 6 febbraio 2017: dopo il trailer trovate il commento al DVD! 

Se Man In The Dark rappresenta a conti fatti una delle esperienze thriller-horror più massicce del 2016, la sua edizione home video non è da meno ed affianca all’ottimo film una serie di interessanti contenuti bonus.
Oltre al commento del regista Fede Alvarez, del co-sceneggiatore Rodo Sayagues e dell’attore protagonista Stephen Lang, troviamo una serie di featurette (termine da fighi per indicare dei mini-special promozionali) che approfondiscono, attraverso backstage ed interviste, alcuni aspetti cruciali dell’opera.
In No Escape, ad esempio, il direttore della fotografia Pedro Luque racconta il lavoro fatto sulle poche luci e le molte ombre che hanno avvolto l’abitazione di Man In The Dark.
In Meet The Cast, il focus è sui personaggi della storia, che Alvarez definisce “tutti di dubbia moralità”. L’ambiguità dell’usuale dicotomia buoni-cattivi è, in effetti, uno dei nodi più intriganti della pellicola.
Creating The Creepy House ci trascina alla scoperta della location principale, mentre The Sounds Of Horror segue la “primordiale” (Alvarez dixit) realizzazione dei suoni, firmati Roque Banos.
Infine, lo speciale Man In The Dark dedica un approfondimento a Stephen Lang e al suo “blind man”. Lang stesso lo definisce una sorta di leggenda urbana, un uomo che ha perso tutto e che dunque, all’inizio del film, suscita perfino simpatia.
A chiudere il ricco menu di extra, ben otto scene tagliate (con o senza commento del regista) dal montaggio finale.

Il DVD e il blu ray sono disponibili già da qualche settimana (11 gennaio 2017) grazie a Sony Pictures. 

Luca Zanovello

 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi