Ma se domani... > Cinema > Festival > EL SONADOR (The Dreamer), sogni di un futuro impossibile 

EL SONADOR (The Dreamer), sogni di un futuro impossibile 

Recensione di El Sonador (The Dreamer), il film di Adrián Saba in anteprima italiana al 27° FCAAAL. 

La locandina del film El Sonador
La locandina del film El Sonador

Sebastian è giovane, forte e solo. Vive nella periferia di Lima e si mantiene con piccoli furti su commissione. I suoi amici sono compagni di sventura, compari di gang, ragazzi che hanno dimenticato la morale. Da quella vita sbagliata Sebastian riesce a volare lontano solo chiudendo gli occhi, ritagliandosi piccole parentesi in cui si astrae e sogna di un amore impossibile. L’amore esiste davvero ed è quello per la bella Emilia, sfortunatamente sorella dei capi della banda per cui “lavora”. Ma si sa, al cuore non si comanda e Sebastian vuole rendere tutto reale.

Dolce, senza scossoni, ricolmo di gesti gentili, il mondo immaginario di Sebastian è meraviglioso. E’ caldo e luminoso, all’occorrenza non lesina tramonti romantici. E’ un rifugio perfetto. E come tutte le cose che non si vorrebbero modificare, la sua fine è vicina. Un errore trasformerà il ragazzo in un bersaglio dai giorni contati. Lo sa lui, lo sappiamo noi. Nonostante il sole a picco sullo schermo, i fremiti non tardano ad invadere la sala.

El Sonador (The Dreamer) arriva anche lui dalla Berlinale 2016, è diretto da Adrián Saba – regista peruviano, classe 1988 – e si tratta di un’opera seconda. Un’opera seconda che ci ipnotizza, ci porta dall’altra parte del globo e ci fa rimanere saldamente al fianco di Sebastian, mentre il tempo scorre e il suo domani diviene costellato di pericoli. Qualcosa di brutto deve accadergli, perché alla gente come lui la fortuna volge sempre le spalle. Ansia e speranza si alternano cadenzati da un metronomo immaginario; più la quiete perdura, più dobbiamo accertarci che ci sbagliavamo. Ma Sebastian si dimostra più saggio di noi, lui conosce le regole del gioco. Ci prova, poi si adegua e affronta il suo destino.

Il lungometraggio in concorso in questi giorni al 27° Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina riesce a sedurci per la raffinatezza delle inquadrature, per il garbo della narrazione, per le esitazioni e gli sguardi innocenti del suo protagonista (Gustavo Borjas). Per il realismo mai forzato e per quell’aura magica in cui Saba ha saputo avvolgere un dramma che poteva essere durissimo sino a straziarci l’anima. Il suo Sebastian sa farsi amare e siamo convinti non meriti una vita in cui non c’è spazio per i sogni.

Vissia Menza 

Related posts

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi