Ma se domani... > La 66° Berlinale: 11 – 21 febbraio 2016
Velvet Creative Office © Internationale Filmfestspiele Berlin
Velvet Creative Office © Internationale Filmfestspiele Berlin

Gli anni passano e l’appuntamento con la Berlinale è diventato un classico dei nostri inverni. Anche in questo 2016, siamo tornati sulle rive della Sprea e, come da tradizione, terremo un diario che crescerà di giorno in giorno sino alla proclamazione dei vincitori dell’Orso d’Oro. Qui a breve troverete le foto coi volti della 66° edizione, le recensioni dei film in evidenza, i commenti agli eventi (incontri/masterclass/concerti/etc.) a cui prenderemo parte e tutto quello che l’estro ci spingerà a immortalare. Non sappiamo ancora cosa succederà, di sicuro questo è il posto in cui scriveremo le nostre impressioni, molte a caldo, altre meditate durante la notte. Annotatevi questo indirizzo e state con noi sino al 22 febbraio.

Vissia Menza

 

APPROFONDIMENTI
(in ordine cronologico)

Aspettando il festival – Novità e news di metà gennaio [continua a leggere]

Aspettando il festival – Novità e news di inizio febbraio [continua a leggere]

Siamo a Berlino: le prime 24 ore [continua a leggere]

Film e premi del weekend [continua a leggere]

Meryl Streep masterclass [continua a leggere]

Un vortice di emozioni [continua a leggere]

Thomas Vinterberg masterclass [continua a leggere]

In concorso tanti film “based on...”  [continua a leggere]

Ritratto di Michael Ballhaus  [continua a leggere]

Dal concorso alla corsa per il tour di Berlinale Talents [continua a leggere]

In attesa dei vincitori: numeri, film e speranze [continua a leggere]

vincitori della 66° Berlinale [continua a leggere]

Eventi cine-musicali: der mude Tod orchestrato dal vivo [continua a leggere]

Alex Gibney e Zero Days [continua a leggere]

Alla scoperta di Berlinale Talents  [continua a leggere]

Evento del mese: Berlinale memories [continua a leggere]

 

Recensioni dei FILM visti
(in ordine alfabetico – un click sul titolo per leggere la recensione)

Alone in Berlin Tratto da un best-seller ispirato a una storia vera di resistenza e dignità umana, il film di Vincent Perez si piazza in fondo alla classifica del gradimento [leggi la recensione]

Ave, Cesare! Al nuovo, funambolico, film diretto dai fratelli Joel e Ethan Coen ha l’onore di inaugurare la 66° edizione del festival del film berlinese che si terrà dall’11 al 21 febbraio [leggi la recensione]

Boris sans Béatrice Denis Coté arriva in concorso a Berlino con un film freddo che trabocca bellezza, finezza e ci fa scoprire un nuovo affascinante attore, James Hyndman [leggi la recensione]

Chi – Raq Spike Lee torna a graffiare con un film politico, che denuncia una situazione entro i confini americani, degna di un bollettino di guerra, attingendo ai classici e all’hip hop [continua a leggere]

Death in Sarajevo La pièce teatrale Hotel Europe si trasforma in film per mano del regista premio Oscar® Danis Tanović. Siamo a Sarajevo, all’interno di un lussuoso hotel, è un giorno importante.  [continua a leggere]

Der mude Tod (Destino) Il film che diede il successo internazionale a Fritz Lang, torna su grande schermo restaurato e riversato in digitale. Per l’occasione la musica è suonata dal vivo [continua a leggere]

El rey del Once (The Tenth Man) Daniel Burman porta a Berlino una nuova esplorazione dei rapporti umani unendo realtà e finzione in una dolce storia di crescita [continua a leggere]

Genius La biografia Max Perkins: Editor of Genius di A. Scott Berg, diventa un film con Colin Firth, Jude Law e Nicole Kidman diretti da Michael Grandage [continua a leggere]

Kollektivet (La Comune) Il nuovo film di Thomas Vinterberg, forse il più autobiografico, racconta la storia di Anna, donna di successo, moglie felice, dal giorno in cui crea una comune [continua a leggere]

L’Avenir (Things to come) Il quinto lungometraggio di Mia Hansen-Love ha una splendida Isabelle Huppert nei panni di una insegnate di filosofia alle prese con la vita che cambia radicalmente. [leggi la recensione]

Maggie’s Plan Rebecca Miller torna in regia con una commedia romantica ambientata a New York. Protagonista è un triangolo di brillanti intelletti e cuori bizzarri. [leggi la recensione]

Midnight Special Il regista di Mud ci port son the road nel cuore della notte, insieme a due uomini determinati a salvare un bambino da cosa e da chi è tutta una scoperta [leggi la recensione]

Miles Ahead Il debutto in regia per l’attore Don Cheadle avviene calandosi nei panni del musicista Miles Davis e narrandoci due turbolenti giorni del suo periodo buio [leggi la recensione]

Quand on a 17 ans (Being 17) Due adolescenti alle prese con i compiti di trigonometria e i primi amori sulle montagne francesi. André Téchiné si conferma un grande osservatore [continua a leggere]

War on Everyone Il ritorno a Berlino del regista John Michael McDonagh avviene con una commedia attenta, irriverente, spumeggiante che omaggia i gloriosi western [continua a leggere]

Zero Days Il nuovo documentario del premio Oscar® Alex Gibney in concorso a Berlino esplora la creazione ed emersione del virus Stuxnet di cui pare non ricordarsi nessuno comune cittadino [continua a leggere]

 

ALBUM: i volti della 66° Berlinale 
(Photo by Michelle Iwema. All rights reserved.)

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi