A cura di Francesca Alfano Miglietti, l’esposizione antologica dedicata a Letizia Battaglia è ospitata alla Casa dei Tre Oci del capoluogo veneto fino al 18 agosto.

Letizia Battaglia, Palermo, vicino la Chiesa di Santa Chiara. Il gioco del killer 1982 © Letizia Battaglia

Letizia Battaglia, Palermo, vicino la Chiesa di Santa Chiara. Il gioco del killer 1982 © Letizia Battaglia

Avete tempo ancora fino al 18 agosto per godervi la mostra Letizia Battaglia Fotografia come scelta di vita, dedicata alla fotografa palermitana. Curata da Francesca Alfano Miglietti, l’esposizione è organizzata da Civita Tre Venezie e promossa da Fondazione di Venezia. Ospitata dalla Casa dei Tre Oci del capoluogo veneto, si è avvalsa della collaborazione dell’archivio di Letizia Battaglia e i contributi di Marta Sollima e Maria Chiara Di Trapani.

Letizia Battaglia

Classe ’35, nata a Palermo, è stata tra le prime donne fotoreporter italiane. Tra il 1974 e il 1991 ha diretto il team di fotografi de L’ORA, quotidiano comunista di Palermo. Inoltre, ha fondato l’agenzia Informazione Fotografica. Negli anni è stata regista, ma ha anche intrapreso una carriera politica ricoprendo varie cariche, da Assessore di Palermo a Deputata all’Assemblea Regionale Siciliana. È stata editrice delle Edizioni della Battaglia e co-fondatrice del centro di documentazione Giuseppe Impastato. Nel 1991 ha fondato la rivista Mezzocielo, bimestrale realizzato da sole donne.

LB Roberto Strano: Letizia Battaglia, Palermo 1 dicembre 2018. © Roberto Strano

LB Roberto Strano: Letizia Battaglia, Palermo 1 dicembre 2018. © Roberto Strano

Nel 1985 a New York, riceve il Premio Eugene Smith per la fotografia sociale, divenendo la prima donna europea a cui viene conferito tale riconoscimento. A San Francisco, nel 1999, riceve il The Mother Johnson Achievement for Life. Negli anni 2007 e 2009 viene premiata rispettivamente con The Erich Salomon Prize, assegnatole dalla società tedesca di fotografia, e il Cornell Capa Infinity Award a New York. È l’unica italiana a figurare nella lista delle 11 donne più rappresentative del 2017 stilata dal New York Times.

La Peace Women Across the Globe l’ha inserita nelle 1.000 donne segnalate per il premio Nobel per la pace.

Letizia Battaglia Fotografia come scelta di vita

La mostra interamente dedicata alla fotoreporter palermitana presenta 300 fotografie, molte delle quali vengono esposte per la prima volta al pubblico. La fotografa, nel corso della propria carriera, si è focalizzata molto su temi di critica sociale. Volti di donne, uomini, bambini e persino animali vengono esposti lungo il percorso della rassegna, ordinato tematicamente. A questi, si aggiungono le immagini di Palermo e i temi della politica, della vita e della morte. L’esplorazione del lavoro della palermitana non può certo lasciare fuori le vicende riguardanti la mafia e il suo rapporto con Palermo. 

Letizia Battaglia, Il magistrato Roberto Scarpinato in aula presso il Tribunale di Palermo durante un'udienza come Pubblico Ministero al processo contro l'ex- primo ministro Giulio Andreotti, seduto sullo sfondo. L’ on. Giulio Andreotti sette volte Primo Ministro fu, poi, assolto per prescrizione di reato © Letizia Battaglia

Letizia Battaglia, Il magistrato Roberto Scarpinato in aula presso il Tribunale di Palermo durante un’udienza come Pubblico Ministero al processo contro l’ex- primo ministro Giulio Andreotti, seduto sullo sfondo. L’ on. Giulio Andreotti sette volte Primo Ministro fu, poi, assolto per prescrizione di reato © Letizia Battaglia

L’esposizione si propone, quindi, di mettere sotto i riflettori queste forme d’attenzione, come le chiama Miglietti nel comunicato stampa della mostra. Guardare è stata la sua attività principale, che si è ‘materializzata’ in straordinarie immagini, afferma sempre la curatrice. Sono presenti anche due filmati di approfondimento della vita e della carriera di questa intellettuale poetica e politica.

L’antologica Letizia Battaglia Fotografia come scelta di vita vi aspetta a Venezia per svelarvi la carriera di una donna straordinaria e di una fotoreporter d’eccezionale forza di volontà, come testimoniano tanto le fotografie quanto le sue imprese.

Simone Bonaccorso

INFORMAZIONI UTILI
LETIZIA BATTAGLIA FOTOGRAFIA COME SCELTA DI VITA
DAL 20 MARZO AL 18 AGOSTO 2019

Sede: Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle, 43, Giudecca – Venezia
Orari: da mercoledì a lunedì: 10-19. Martedì chiuso. Apertura straordinaria il 13 agosto
Biglietti: intero 12 € | ridotto: 10 €
Informazioni: 041 24 12 332 | info@treoci.org | www.treoci.org

Catalogo: Marsilio Editori

Letizia Battaglia, Donna che fuma, Catania, 1984. © Letizia Battaglia

Letizia Battaglia, Donna che fuma, Catania, 1984. © Letizia Battaglia

Fonte e foto: si ringrazia l’ufficio stampa 
Condividi
  • 53
    Shares
  • 53
    Shares