Un commento a R come infinito, l’ultimo romanzo di Sarah Pellizzari Rabolini. Lettura perfetta per le vacanze. 

SIlvia è un’insegnante precaria, ha una vita sentimentale sospesa, un rapporto conflittuale con la madre e una sorella fastidiosa e invadente. La sua è un’esistenza in bilico e sino ad oggi le emozioni hanno fatto da ago della bilancia. Ora Rocco è tornato in città e la resa dei conti non può più aspettare: Silvia dovrà affrontare il passato, sopravvivere al presente e guardare al futuro. 

La copertina di R come infinito di Sarah Pellizzari Rabolini

La copertina di R come infinito

R come infinito di Sarah Pellizzari Rabolini è un romanzo che parla d’amore, anzi di sentimenti, di fragilità, di noi. Scordatevi quindi gli Harmony, in questo libro non c’è alcuna traccia di scene audaci. Qui tutto è normale, familiare, quasi tangibile. Sono i rapporti con i parenti, gli amici e i fidanzati ad essere protagonisti.  

La Silvia descritta da Sarah ci è simpatica sin dalle prime righe. È esuberante e incasinata un po’ come tutte noi – o come ci piacerebbe essere se avessimo una vita simile alla sua. Perché quella che scopriremo piano piano è una storia ricca, è un’esistenza in cui ogni respiro è assaporato a lungo e serbato con cura, è una racconto di legami intensi, di persone imperfette, di resistenza e di un pizzico di follia.  

Ci ritroviamo subito a sostenere la nostra novella eroina mentre cerca risposte. Leggiamo le parole con voracità, le notti ci paiono troppo brevi, si fa largo l’ansia. La sua incertezza diventa la nostra, o forse è il contrario. 

E questo è il punto di forza di R come infinito: è un sorprendente voltapagina! Ti prende all’amo nel tempo di poche facciate e ti trascina al largo in un attimo. Ti fa credere di affogare in acque profonde, ti lancia un salvagente, ti sgancia e riprende. Il tira e molla è continuo, la trama sembra quella di un thriller. E probabilmente lo è. 

Tra momenti di squisita quotidianità e colpi di scena, è impossibile annoiarsi o lasciar vagare la mente. La scrittura non vacilla ed è sempre ben ancorata alla realtà. D’altro canto, la sensazione che gli occhi dell’autrice abbiano visto molte delle scene descritte si rafforza riga dopo riga fino al fulminante epilogo. Un epilogo che, da metà libro in poi, speriamo non arrivi mai. 

Sono nuova al genere romance, le due esperienze precedenti sono naufragate in una manciata di minuti. Non so dirvi se siano state le citazioni cinematografiche (del tutto inattese e ai miei occhi preziose), la tesa e scorrevole prosa, oppure quei personaggi tratteggiati senza calcare la mano, ma quando ho riposto sullo scaffale R come infinito ho avvertito immediatamente la mancanza di Silvia. 

Vissia Menza

(Continua sotto la foto)

Sarah Pellizzari Rabolini autrice di R come infinito

La scrittrice Sarah Pellizzari Rabolini

Nota: Sarah Pellizzari Rabolini da qualche anno scrive col cuore di teatro, libri ed eventi culturali qui su MaSeDomani. Quando andò in stampa R come infinito me ne regalò una copia. Credo avesse perso la speranza di leggere un mio commento, probabilmente temendo che la caotica Silvia, Rocco-lo-stronzo e quell’acida di Costanza mi avessero lasciata indifferente o, peggio ancora, tediata a morte. Invece no, stavo solo attendendo la stagione giusta. Eccola. 

 

SCHEDA LIBRO 
R come infinito

Autore: Sarah Pellizzari Rabolini
Editore: Edizioni del Loggione (2018)
Collana: R come Romance
Pagine: 280
ISBN: 978-1980612667

R come infinito è anche su Amazon.it

n.d.r. un clic QUI per scoprire altri consigli per la lettura.

Condividi
  • 108
    Shares
  • 108
    Shares