Alla Casa dei Tre Oci di Venezia, vi aspetta l’antologica dedicata a Ferdinando Scianna. 180 opere raccontano oltre cinquant’anni di carriera di una delle figure di riferimento della fotografia contemporanea internazionale.

Ferdinando Scianna, Marpessa, Caltagirone, 1987 © Ferdinando Scianna

Ferdinando Scianna, Marpessa, Caltagirone, 1987 © Ferdinando Scianna

Fino al 2 febbraio 2020, Venezia ospiterà la grande antologica Ferdinando Scianna. Viaggio Racconto Memoria. Curata da Denis Curti, Paola Bergna e Alberto Bianda, la mostra è organizzata da Civita Mostre e Musei e Civita Tre Venezie e promossa da Fondazione di Venezia. Seconda rassegna fotografica che la Casa dei Tre Oci ha dedicato a un fotografo siciliano, dopo Letizia Battaglia Fotografia come scelta di vita, di cui vi abbiamo parlato nel giugno scorso.

Ferdinando Scianna

Classe ’43, Scianna nasce a Bagheria, in provincia di Palermo. Si appassiona alla fotografia sin dagli anni Sessanta, raccontando la cultura e le tradizioni siciliane grazie alle proprie immagini. Diventato allievo del critico Cesare Brandi, mostra i propri scatti a Enzo Sellerio, che ha il merito di avergli fatto scoprire Henri Cartier-Bresson, pioniere del fotogiornalismo. In quegli stessi anni, Scianna sviluppa una coscienza politica che sarà determinante per l’evoluzione dei propri lavori.

Ferdinando Scianna, Processione dei misteri del venerdì Santo, Ciminna, 1964 © Ferdinando Scianna

Ferdinando Scianna, Processione dei misteri del venerdì Santo, Ciminna, 1964 © Ferdinando Scianna

A soli 21 anni pubblica il saggio Feste Religiose in Sicilia, con lo scrittore Leonardo Sciascia. Nonostante le polemiche suscitate, ottengono il prestigioso Premio Nadar. Grazie a questa collaborazione, Scianna si trasferisce a Milano e inizia a lavorare come fotoreporter per l’Europeo. Inviato speciale a Parigi, dove vive per 10 anni, il fotografo siciliano inizia a dedicarsi alla scrittura, collaborando con varie testate giornalistiche. Nonostante il lavoro come giornalista, si è sempre visto come un fotografo che scrive, come racconta lui stesso. Sempre a Parigi, viene notato proprio da Henri Cartier-Bresson, che nel 1982 lo invita a candidarsi per l’agenzia Magnum Photos, di cui sarà il primo italiano a farne parte.

Ferdinando Scianna, Celia Forner. Sevilla, 1988 © Ferdinando Scianna

Ferdinando Scianna, Celia Forner. Sevilla, 1988 © Ferdinando Scianna

Tornato a Milano, lavora per vari giornali come fotografo e inizia a dedicare i propri scatti anche a un duo di designer emergenti, Dolce e Gabbana. Proprio questi due giovani fecero realizzare a Scianna un catalogo con la splendida modella Marpessa. Mescolando la visione del mondo della moda con l’esperienza da fotoreporter, si venne a creare un risultato originale che diede vita a una delle collaborazioni meglio riuscite nel mondo della moda. Da lì, Scianna si espande al mondo della pubblicità e delle fotografie commerciali, senza mai abbandonare il reportage, i ritratti e il giornalismo.

Viaggio Racconto Memoria

L’antologica Ferdinando Scianna. Viaggio Racconto Memoria vi darà la possibilità di scoprire la lunga e proficua carriera di questo fotografo siciliano, di cui sopra abbiamo cercato di mettervi in evidenzia i passaggi salienti. Non è mai semplice condensare in 300 parole il lavoro di un artista con oltre cinquant’anni di vita professionale alle spalle. Questa mostra cerca di farlo con 180 opere, di cui alcune sono immagini di moda scattate proprio a Venezia.

Ferdinando Scianna, Leonardo Sciascia. Racalmuto, 1964 © Ferdinando Scianna

Ferdinando Scianna, Leonardo Sciascia. Racalmuto, 1964 © Ferdinando Scianna

Alla Casa dei Tre Oci, potrete ammirare il percorso artistico di Scianna e le tematiche da lui affrontate. Dall’attualità alla guerra, dal viaggio alla religione. Tutti argomenti che possono racchiudersi nei tre grandi macro-insiemi che danno il titolo all’esposizione: Viaggio, Racconto e Memoria. In cinquant’anni di fotografie non mancano paesaggi, specchi, animali e, ovviamente, i ritratti. Tra questi ritroviamo quei maestri del mondo dell’arte e della cultura che lo hanno accompagnato lungo la sua carriera, come i già citati Leonardo Sciascia e Henri Cartier-Bresson.

Una rassegna suggestiva che Venezia dedica a una figura di spicco del mondo della fotografia contemporanea a livello internazionale. Un viaggio attraverso la carriera di un artista che non può mancare per gli appassionati di quest’arte visiva. Un appuntamento che vi aspetta nella città lacustre fino al 2 febbraio 2020.

Simone Bonaccorso

INFORMAZIONI UTILI
FERDINANDO SCIANNA. VIAGGIO RACCONTO MEMORIA
DAL 31 AGOSTO 2019 AL 2 FEBBRAIO 2020

Indirizzo: Casa dei Tre Oci, Fondamenta delle Zitelle 43 – Giudecca, Venezia
Orari: da mercoledì a lunedì: 10 – 19. Martedì: chiuso
Biglietti: intero: 13€; ridotto: 11€
Informazioni: 041 24 12 332 | info@treoci.org | www.treoci.org

Catalogo: Marsilio Editori

Ferdinando Scianna, Varanasi, 1972 © Ferdinando Scianna

Ferdinando Scianna, Varanasi, 1972 © Ferdinando Scianna

Foto: si ringrazia l’ufficio stampa
Condividi
  • 64
    Shares
  • 64
    Shares