Koen Vanmechelen – The Worth of life 1982/2019 è la nuova esposizione al Teatro dell’architettura di Mendrisio (Svizzera) sino al 2 febbraio 2020.

Koen Vanmechelen. The Worth of Life 1982/2019 - Photo: © Enrico Cano

Koen Vanmechelen. The Worth of Life 1982/2019 – Photo: © Enrico Cano

L’arte di Koen Vanmechelen da qualche settimana è arrivata al Teatro dell’architettura. La sua ricerca intorno ai grandi problemi del XXI° secolo, la sua sperimentazione e contaminazione tra natura e cultura, la sua ecletticità rimarrà in Canton Ticino sino a domenica 2 febbraio 2020 per farsi conoscere. 

Il Teatro dell’Architettura è uno spazio espositivo giovane, attivo dal 2018 all’interno dell’Accademia di Mendrisio, inteso come luogo in cui mettere a confronto differenti discipline e spronare ad una riflessione. E con la rassegna Koen Vanmechelen. The Worth of Life 1982-2019 più che mai riesce nel suo intento: stimolare il pubblico sui problemi che lo circondano, dall’uomo al clima e non solo. 

Sino alla prossima primavera, le creazioni dell’artista e attivista fiammingo punteranno, infatti, i riflettori sulle difficoltà di comunicazione e di convivenza civile che affliggono questo momento storico. In che modo? Mettendo al centro della scena dei sontuosi, colorati, inconsueti polli quali metafora della vita e del mondo in cui viviamo. 

Uno scorcio della mostra The Worth of Life - Sulla parete: NO TITILE (PAINTING), 2019; al piano terra: IN BETWEEN, 2018, scultura in poliestere - Photo: MaSeDomani

Uno scorcio della mostra al TAM – Sulla parete: Koen Vanmechelen, NO TITILE (PAINTING), 2019; al piano terra: IN BETWEEN, 2018, scultura in poliestere – Photo: MaSeDomani

L’ARTISTA

Nato nel 1965 in quella regione dell’Olanda che ha visto crescere il genio di Bosch, Brueghel e Rubens, Vanmechelen è figlio di un filosofo. Sin dall’età di 5 anni rimane affascinato dall’uovo e dai pulcini. E quando lo zio gli regala una incubatrice la sua passione e curiosità diviene inarrestabile. 

Autore poliedrico – spazia con agilità dalla pittura alla scultura, dalle performance alla videoarte sino alle installazioni – Koen Vanmechelen in quarant’anni di carriera è stato coinvolto in progetti di ibridazione di animali, nella contaminazione dei materiali e degli strumenti espressivi, sempre interrogandosi sul valore della vita e sulla necessità di trasformazione per poter sopravvivere. 

La sua arte fonde l’estetica con l’etica, talvolta arriva a respirare (non sono mancate le iniziative artistiche con soggetti viventi) e risente dell’influenza fiamminga – ritrovabile anche nello zoo pittorico di Rubens. La sua ricerca ha dato vita alla Open University of Diversity atta a promuovere lincontro, il dialogo e lo studio delle diversità. 

Nella sua carriera ha esposto a Londra, New York, Venezia, Mosca e in tante altre importanti città. 

THE WORTH OF LIFE - Koen Vanmechelen © Studio Koen Vanmechelen

THE WORTH OF LIFE – Koen Vanmechelen © Studio Koen Vanmechelen

LA MOSTRA 

Curata da Didi Bozzini, l’esposizione colpisce per la libertà che lascia a chi guarda di coglierne metafore, allegorie, colori e vibrazioni, in base alla propria sensibilità e conoscenza. 

Divisa sui tre piani del Teatro dell’Architettura, propone oltre 65 lavori di Vanmechelen – sculture, dipinti, neon, foto e installazioni – realizzati tra il 1982 e il 2019. Che evidenziano le tappe fondamentali della sua evoluzione artistica e fanno emergere un gusto per il neo-barocco e la sua attenzione verso la natura. 

Ci si trova da subito immersi in un universo fatto di figure imponenti, talvolta possenti, sgargianti se non addirittura sfavillanti. E’ difficile rimanere impassibili durante il percorso sino all’ultimo anello del Teatro. Ci sono giganteschi artigli, grandi mani che proteggono pulcini, teste di medusa uniche nel loro genere, cinghiali con fini paramenti e molto altro. Si passa dall’enorme al piccolo, dalla fotografia alla installazione, da immagini reali a pure chimere.

Un gesto creativo “esuberante” che ben si sposa col fine di sollecitare l’intelletto del visitatore, che sia un architetto del domani o una persona semplicemente curiosa che si pone domande e non concepisce barriere nell’arte, nell’uomo, nell’evoluzione.

Vissia Menza

(Continua sotto la foto)

Koen Vanmechelen, T-REX (2019), scultura in bronzo - Photo: MaSeDomani

In mostra al TAM – Koen Vanmechelen, T-REX (2019), scultura in bronzo – Photo: MaSeDomani


INFORMAZIONI UTILI
Koen Vanmechelen. The Worth of Life 1982/2019
04 ottobre 2019 – 02 febbraio 2020
A cura di Didi Bozzini

Indirizzo: Teatro dell’architettura, via Turconi, 25 – Mendrisio, Svizzera
Orari: martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica dalle 12.00 alle 18.00 | giovedì dalle 14.00 alle 20.00
Biglietti: Intero CHF/Euro 10.- | Ridotto CHF/Euro 7
Mappe, informazioni su aperture e chiusure speciali e approfondimenti sul sito: www.arc.usi.ch/tam

Open Day: nelle giornate dell’8 dicembre, 12 gennaio e del 2 febbraio si potrà visitare gratuitamente l’esposizione grazie a speciali percorsi guidati, previsti alle ore 13.00, 14.30 e alle ore 16.00. L’iscrizione si può effettuare il giorno stesso direttamente alla reception del Teatro dell’architettura, dalle 12.00 in poi; ogni singola visita prevede un massimo di 25 persone.

 

Si ringrazia l’ufficio stampa  per l’opportunità.

Ultimo aggiornamento il 27 novembre  2019, ore 14.40.

Condividi
  • 52
    Shares
  • 52
    Shares