Recensione di LIGHT OF MY LIFE, storia di padre e figlia in una realtà cupa e distopica. Al cinema dal 21 novembre 2019. 

Light of my life poster film

La locandina italiana del film Light of my life.

SCHEDA FILM

TITOLO ORIGINALE Light of my Life
REGIA: Casey Affleck
CAST: Casey Affleck, Anna Pniowsky, Elisabeth Moss
DURATA: 115 minuti
DATA DI USCITA: 21 novembre 2019
DISTRIBUTORE: Notorious Pictures


RECENSIONE

Scena iniziale: un padre è impegnato a raccontare una favola alla sua bambina che è coricata accanto a lui in una tenda da campeggio.
Tutto potrebbe apparire normale se non fosse che quella tenda è il loro unico rifugio. Il campeggio ed il continuo peregrinare sono la loro armi di sopravvivenza. E quelle storie diventano il modo per rendere unico e indelebile il rapporto tra i due.

Perché tutto questo?
Anna Pniowsky e Casey Affleck in Light of my life - Foto: courtesy of Notorious Pictures

Anna Pniowsky e Casey Affleck in una scena del film – Photo: courtesy of Notorious Pictures

Perché i protagonisti vivono in un futuro non molto lontano in cui la popolazione della Terra è stata decimata da un’epidemia una decina di anni prima e quasi tutto il genere femminile ne è stato vittima. L’unico modo che questo papà ha di proteggere la sua bambina è quello di tenerla nascosta al mondo camuffandola da ragazzo ed evitarle qualunque contatto con gli uomini, troppo violenti. Nessun essere di sesso femminile infatti è al sicuro: diventato merce rara, ora lo si caccia per consegnarlo ad un destino oscuro.

Fin qui la trama potrebbe risultare interessante. Tanto più che la sceneggiatura, pensata per diversi anni prima di vedere la luce, cavalca l’onda di pellicole e serie TV su futuri distopici e ha spunti intriganti. Invece, Light of my Life non si può dire che centri il punto e purtroppo fa acqua da tutte le parti.

Innanzitutto l’attore, qui anche regista e autore. Casey Affleck ci vuole presentare una storia cercando di dosare tutti gli elementi che il genere richiede. Vuole rivelare poco per volta cosa abbia portato l’umanità a tale situazione e vuole farcelo scoprire attraverso piccoli indizi, alcuni flashback (che dovrebbero spiegare la situazione ma risultano stucchevoli) e qualche personaggio che incute timore.

Light of my life, Casey Affleck e Anna Pniowsky in una scena del film - Photo: courtesy of Notorious Pictures

Casey Affleck e Anna Pniowsky in una scena del film – Photo: courtesy of Notorious Pictures

Nulla da eccepire se non fosse che Affleck non riesce a dare un tocco originale e convincente ad uno scenario già esaminato in altre produzioni – e quindi teoricamente familiare.

Il racconto poi tradisce una delle regole principali della scrittura, ovvero che tutte le trame e sottotrame devono chiudersi. Ebbene, qui non solo non viene dato abbastanza spazio all’antefatto, che dovrebbe essere la spina dorsale del film, ma si arriva alla fine senza spiegare nulla.

Inoltre l’autore, sempre Affleck, timoroso che non passassero i concetti di amore tra padre e figlia; della necessità di proteggere l’unica persona rimastagli (la moglie, neanche a dirlo, è morta); e della forza del legame tra i due, continua a riproporre la stessa scena più e più volte, in un loop che sembra interminabile. I due si accampano, poi vengono scoperti, cambiano luogo, si riaccampano e così via.

Anna Pniowsky in una scena del film - Photo: courtesy of Notorious Pictures

Anna Pniowsky in una scena del film – Photo: courtesy of Notorious Pictures

In conclusione, la pellicola poteva essere buona, l’argomento poteva incuriosire e poteva inserirsi nel filone dei lungometraggi distopici con una loro dignità, invece fallisce su ogni fronte.

Oltre alla bella performance della giovane Anna Pniowski nella parte della figlia, Light of my life è un film ben girato, con alcuni momenti crudi e alle volte anche efficaci ma si perde, come spesso capita nelle opere prime scritte, dirette e interpretate dalla stessa persona, in troppe scene autoreferenziali e esageratamente cariche di pseudo-lezioni di vita che mettono a dura prova sia la resistenza che l’indulgenza dello spettatore.

Un film che si può vedere con la consapevolezza però che le domande di rito (Cosa è successo? Perchè? Che fine hanno fatto i protagonisti?) rimarranno tutte, inesorabilmente, senza risposta.

Anna Falciasecca


TRAILER UFFICIALE
LIGHT OF MY LIFE Trailer Ufficiale – Dal 21 Novembre al cinema

 

Condividi
  • 29
    Shares
  • 29
    Shares