Alla scoperta dell’Annunciazione di Filippino Lippi, ospite in Sala Alessi a Milano per Natale 2019. 

L'Annunciazione di Filippino Lippi rimarrà esposta a Palazzo Marino durante il periodo natalizio. Foto: Andrea Scuratti – Comune di Milano

L’Annunciazione di Filippino Lippi rimarrà esposta a Palazzo Marino durante il periodo natalizio. Foto: Andrea Scuratti – Comune di Milano

Sino al 12 gennaio 2020, è l’Annunciazione di Filippino Lippi a darci il benvenuto nella Casa del Sindaco del capoluogo lombardo.

La stagione natalizia entra nel vivo anche nel 2019 con l’arrivo di un capolavoro in Sala Alessi. La mostra gratuita, che ogni anno il Comune organizza durante le festività, offrendo la possibilità, ai milanesi e a coloro in visita, di ammirare una meraviglia della storia dell’arte, ha alzato il sipario il 29 novembre.

Si tratta di due grandi tondi (hanno un diametro di 162 centimetri con la cornice e di 110 senza), raffiguranti L’Annunziata e L’Angelo annunziante, arrivati da San Gimignano – che ne fu a suo tempo il committente – grazie ad uno scambio di opere tra la Pinacoteca della città toscana e il Castello Sforzesco di Milano. Realizzati quando l’allievo di Botticelli aveva solo 26 anni (nel 1483-4), ma era già ben noto nell’ambiente, la loro importanza risiede proprio nel soggetto: la Santissima Annunziata, che si celebra il 25 marzo ossia il primo giorno del calendario fiorentino.

L'inaugurazione dell'Annunciazione di Filippino Lippi a Palazzo Marino. Foto: Andrea Scuratti – Comune di Milano

L’inaugurazione dell’Annunciazione di Filippino Lippi a Palazzo Marino. Foto: Andrea Scuratti – Comune di Milano

Con cornici in legno intagliato, dipinto, dorato e argentato anch’esse dell’epoca (si ritiene siano state commissionate ad Antonio da Colle sei anni più tardi), le due tempere su tavola si presentano al visitatore con un allestimento scenografico, un ampio apparato didattico e un video.

Curata da Alessandro Cecchi, la mostra aiuta a cogliere, tra i molti dettagli, il legame tra le raffigurazioni e chi le guarda. Sebbene siano due i momenti narrativi, come due sono i supporti, e due i mondi richiamati (quello divino e quello terreno), vi è una continuità̀ spaziale e un eccezionale gioco di prospettiva. In entrambi i tondi, infatti, il pavimento è rosso e grigio e la base del pilastro che fa da sfondo all’angelo inginocchiato è ripresa nell’Annunziata. Sono però le vie di fuga a colpire: esse convergono verso l’osservatore, coinvolgendolo nella scena. È la magia della cosiddetta prospettiva inversa.

Aperta tutti i giorni sino alla fine del periodo natalizio, il nostro consiglio è di non perdere la possibilità di scoprire questo gioiello della pittura italiana.

(Continua sotto la foto)

L'Annunciazione di Filippino Lippi esposta a Palazzo Marino durante il periodo Natalizio. Foto: Andrea Scuratti – Comune di Milano

L’Annunciazione di Filippino Lippi esposta a Palazzo Marino durante il periodo natalizio. Foto: Andrea Scuratti – Comune di Milano

INFORMAZIONI UTILI

Filippino Lippi L’ ANNUNCIAZIONE
Dal 29 novembre 2019 al 12 gennaio 2020

Indirizzo: Palazzo Marino, Sala Alessi – Piazza della Scala 2, Milano
Ingresso: libero
Orari di apertura: tutti i giorni dalle 9.30 alle 20.00 | giovedì fino alle 22.30
Chiusure anticipate: 7 dicembre chiusura ore 12.00 | 24 e 31 dicembre 2019 chiusura ore 18.00
Contatti: telefono 800.167.619 | sito ufficiale www.comune.milano.it | NB le prenotazioni sono possibili solo per le scuole

 

Fonte e foto: si ringrazia l’ufficio stampa


n.d.r. Su MaSeDomani non copiamo/incolliamo i comunicati stampa. Con “fonte” s’intende la provenienza delle informazioni – una pagina web, una cartella stampa, ecc. Con le nostre segnalazioni vorremmo incuriosire e fornire strumenti utili a scoprire e approfondire un evento. Non copiateci. Potete citarci, in tal caso siate cortesi e avvisateci.

Condividi
  • 31
    Shares
  • 31
    Shares