Recensione del documentario Tell Me Who I am. Da vittime a fieri guerrieri, la storia di Alex e Marcus Lewis su Netflix dal 18 ottobre 2019.

Tell me who I am poster film

La locandina del documentario Tell me who I am

Alex Lewis una mattina si sveglia, è in ospedale, si è appena svegliato da un coma lungo 3 mesi. Non ricorda più nulla se non che Marcus, il ragazzo difronte a lui, è il suo gemello. Nessun’altro, neppure la madre, gli è familiare. È un giovane adulto e deve ripartire da capo. Deve riscoprire le abitudini di casa (e alcune son davvero bizzarre); deve ricostruire il puzzle dell’infanzia, delle vacanze, dell’adolescenza. Grazie a Marcus, tutto appare semplice e normale. Le domande incalzano senza sosta, prima di rivedere la fidanzatina, i compagni di scorribande e… il giorno che i genitori muoiono.

Quando la casa di famiglia deve essere svuotata Alex inizia ad avere dei dubbi: cosa è successo tra quelle mura anni prima? Perché prova una sensazione di disagio? È qui che arriva il primo fulmine a ciel sereno di Tell me Who I am -- il nuovo film di Ed Perkins. Marcus risponde con un lapidario “si” ai peggiori dei quesiti che un fratello possa mai porre:

“siamo stati abusati da piccoli?”

Tell me who I am è una delle novità autunnali di Netflix. È uscito il 18 ottobre 2019 e nell’arco di pochi giorni è entrato tra i trend della piattaforma streaming. Il motivo?

È un angosciante thriller e sapere sia un documentario non allevia la tensione. Anzi, al posto d’acquietarsi aumenta esponenzialmente proprio perché è tutto vero. I due, solo oggi, a 56 anni, sono alla resa dei conti con sé stessi e con l’altro. Lo fanno difronte ad una telecamera, insieme a noi. E le rivelazioni sono poche, veloci e raggelanti.

Il regista è cresciuto sui set di piccoli gioielli come Searching for Sugarman e The Imposter. Suoi erano i documentari sul “dietro le quinte” di quei lavori, e da essi pare aver appreso gli strumenti per narrare una storia vera con precisione documentaristica ma con un intreccio narrativo degno del migliore Hitchcock.

I fratelli Alex e Marcus Lewis protagonisti del film Netflix Tell me who I am

I fratelli Alex e Marcus Lewis protagonisti del film Netflix Tell me who I am

Oltre ad esplorare la surreale situazione che un adulto deve affrontare quando la memoria gli si resetta in seguito ad un evento traumatico, l’autore indaga con estrema delicatezza e rispetto il legame unico che solo i gemelli identici sviluppano, una fiducia cieca e viscerale difficile da comprendere se non si è come loro.

Quella fiducia che ha portato Alex a riconoscere esclusivamente il fratello e a credere ad ogni storia che gli raccontava. E che, per contro, ha indotto Marcus a non buttare un fardello insostenibile sulle spalle di Alex, già alle prese con un vuoto lungo 18 anni, regalandogli così una nuova infanzia.

Non è finita qui.

Inevitabilmente arriva il momento della verità, quello in cui si cercano certezze seppur nella consapevolezza che esse saranno sgradevoli. A quel punto la vergogna, i sensi di colpa e la necessità di perdono si fanno largo in un film che – saggiamente – non esita sul dramma ma prosegue diritto verso l’amarissimo epilogo. Un finale talmente duro da accompagnarti per giorni. Troppa è l’angustia nei confronti di chi ha violato l’altrui infanzia. Ma c’è di più: Marcus e Alex si presentano a noi con tutte le loro fragilità, eppure ci paiono forti. Sono due gran belle persone, sono la voce che vuole dare speranza a coloro, là fuori, a cui è stata negata l’età dell’innocenza.

Tell me who I am riesce a mandare un potente messaggio senza far leva su dettagli scabrosi per guadagnare audience. Mantiene intatti i suoi protagonisti, non viene meno a suoi principi e così facendo amplifica la sua forza. Da non perdere.

Vissia Menza


OFFICIAL TRAILER
Tell Me Who I Am | Official Trailer | Netflix

 

Condividi
  • 32
    Shares
  • 32
    Shares